Spadafora: “Serie A, 3 maggio irrealistico! Bloccati anche gli allenamenti”

Articolo di
29 Marzo 2020, 10:27
Vincenzo Spadafora
Condividi questo articolo

Vincenzo Spadafora, Ministro per le politiche giovanili e dello sport, nel corso di un’intervista rilasciata a “Repubblica” parla del tema sport, in particolare il calcio e la Serie A. 

BLOCCO GENERALEVincenzo Spadafora, Ministro dello sport, parla così del blocco di competizioni e allenamenti: «Pensavo ai nostri ragazzi abituati a stringersi, abbracciarsi, passarsi la bottiglietta d’acqua: tutto questo mancherà per molto tempo. Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco delle competizioni sportive di ogni ordine e grado. Ed estenderò la misura agli allenamenti, sui quali non eravamo intervenuti perché c’era ancora la possibilità si tenessero le Olimpiadi».

AIUTO ECONOMICO – Niente sarà come prima, continua Spadafora, ma lo sport riceverà comunque un aiuto economico: «Lo sport non è solo il calcio e il calcio non è solo la serie A. Destinerò un piano straordinario di 400 milioni allo sport di base, alle associazioni dilettantistiche sui territori, a un tessuto che sono certo sarà uno dei motori della rinascita. Dal calcio di serie A invece mi aspetto che le richieste siano accompagnate da una seria volontà di cambiamento: le grandi società vivono in una bolla, al di sopra delle loro possibilità, a partire dagli stipendi milionari dei calciatori. Devono capire che niente dopo questa crisi .- potrà più essere come prima».

SEGNI DI CEDIMENTO – Il Ministro Spadafora si dice preoccupato per la situazione del paese: «Sono preoccupato. Siamo su un crinale delicato: dopo le prime due-tre settimane di chiusura e sacrifici, c’è il rischio di passare dalla fiducia alla rabbia. Vedo i primi segni di cedimento, soprattutto al sud. Il 27 del mese è passato da un giorno e ci sono persone che cominciano a sentirsi mancare la terra sotto ai piedi. Così come ci sono forze che potrebbero approfittarne, destabilizzando ancora di più la situazione. Quando la gente potrà tornare ad uscire? La nostra prima preoccupazione adesso deve restare quella di salvare vite. Non abbiamo nessun elemento per dire che tra due settimane si potrà riaprire qualcosa. Chi lo fa, come Matteo Renzi, soffia sul fuoco».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE