Serie A, giorni decisivi: atteso il protocollo per allenamenti in gruppo – GdS

Articolo di
10 Maggio 2020, 08:36
Nike Merlin Hi-Vis pallone Serie A
Condividi questo articolo

Oggi si riunisce il Comitato Tecnico-Scientifico del governo e in settimana ci saranno diversi incontri per ratificare ed inquadrare il protocollo per la ripresa della Serie A (e non solo). Si attende l’ok agli allenamenti collettivi ma con alcune restrizioni. I dettagli

PICCOLI PASSI – La questione calcio è all’ordine del giorno della riunione di oggi del Comitato Tecnico-Scientifico del governo. Ma l’orientamento resta quello emerso venerdì: via libera agli allenamenti collettivi, con alcuni paletti. Un sì condizionato, che costituirà il passo per disegnare la road map verso la ripresa . Nella settimana entrante saranno diversi i passaggi chiave: il vertice Giuseppe Conte-calcio, l’assemblea della Lega Serie A, la giunta Coni con Vincenzo Spadafora, il consiglio federale della Figc.

L’ITER DA SEGUIRE – Il percorso formale è chiaro. Il parere del Cts sarà inviato al ministro della salute, Roberto Speranza, interlocutore governativo con cui si relazionano i 20 esperti della task force. Speranza lo condividerà con il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, che lo integrerà nelle linee guida relative  agli sport di squadra. Prima, però, ci dovrà essere la copertura normativa del nuovo Dpcm in preparazione, quello che porterà l’Italia nella ‘fase 3’.

NODI – La validazione del protocollo permetterà ai medici sociali delle squadre di Serie A di non avere più dubbi su controlli ed esami prima della ripartenza effettiva degli allenamenti . In settimana partiranno tutti per allinearsi al via generalizzato del 18 maggio. Il parere del Cts ruoterà intorno ad alcuni punti fermi. Primo fra tutti, il no al modello tedesco che non prevede l’automatismo giocatore positivo-messa in quarantena della squadra (ma il caso Dynamo Dresda, 2. Bundesliga, sembra aver cambiato le carte in tavola). Si dovrà, invece, osservare come tutti i cittadini il periodo di isolamento di due settimane. A quanto sembra, sarebbe stata invece superata un’altra prescrizione, quella di cominciare gli allenamenti dividendo i calciatori per piccoli gruppi.

SPERANZE – Non mancano pareri contrastanti in questa fase. La speranza è che un via alla Serie A, intorno a metà giugno, aiutato dalla variabile caldo, darebbe più garanzie rispetto alla prospettiva di rivedersi tutti a fine estate. In un mese, se il monitoraggio dei dati non presenterà sussulti e nuovi allarmi, si potrebbe cominciare a giocare (nel weekend 13-14 giugno).

COMPLICAZIONI – C’è poi la variabile geografica. Non c’è una sola Italia, lo dice la mappa dei contagi che consiglia di evitare le regioni più a rischio. Ma questa possibilità, che ha ricevuto diversi consensi nella politica, continua a essere vista con freddezza dalla Lega Serie A. Evidentemente non c’è volontà di aggiungere troppe variabili a un quadro già complicato. In effetti sono ancora molte le cose da mettere a posto. La prossima settimana sarà determinante anche perché l’esito degli esami cardio-vascolari e polmonari prescritti (su questo il protocollo confermerà gli obblighi dalla Fmsi) dovrà escludere qualsiasi controindicazione sulla ripresa dell’attività  di chi ha avuto il virus.

MATTONCINI – In settimana ci sarà anche l’incontro tra il mondo del calcio e dello sport con il premier Conte e il ministro Spadafora. Ripartire in Serie A significa provare a farlo magari più in là con la B, ma anche evitare che lo stop della Lega Pro (su cui però l’ultima parola spetta al consiglio federale) abbia effetti devastanti . Senza dimenticare il rischio di una moria di società dilettantistiche già denunciato da Cosimo Sibilia, leader della Lnd. Anche se tutto questo mondo dell’attività giovanile e dilettantistica, tornerà a giocare inevitabilmente a settembre.

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Valerio Piccioni


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE