Puccio:”Esordio in CL col Psv emozione unica, Maxwell mi chiese aiuto”

Articolo di
2 ottobre 2018, 10:51
Gabriele Puccio

La “Gazzetta dello Sport” ha intervistato Gabriele Puccio, ex Primavera Inter che ha vissuto il suo esordio in Champions proprio contro il Psv nel 2007.

Un ricordo indelebile. Pieno di emozioni e di rimpianti. Psv-Inter non sarà mai una partita qualunque per Gabriele Puccio, classe 1989, centrocampista della Pro Sesto, ex Primavera Inter. Lui, nel 2007, al Philips Stadion ha debuttato in Champions. E per un attimo da lì pensava davvero di poter dare una svolta alla sua carriera. E alla sua vita.

ESORDIO IN CHAMPIONS – «Avevo da poco debuttato in Coppa Italia contro la Reggina, nella gara del primo gol di Balotelli. Erano già due anni che mi allenavo in prima squadra e sì, sognavo quel momento. Ma mi sarebbe piaciuto tanto poter giocare a San Siro…».

EMOZIONE UNICA – «Se mi aspettavo di esordire? Assolutamente no. Poi era una partita delicata, loro dovevano vincere per forza per passare il turno. Lo stadio era una bolgia, un’atmosfera incredibile. È stata un’emozione unica, purtroppo oggi devo dire irripetibile».

LE PAROLE DI MANCINI – «Mancini aveva tanti fogliettini per le palle inattive. Dovevo entrare e comunicare ai grandi che dovevano cambiare posizione. Mi parlava ma ero frastornato. Poi mi fa: “hai capito?”. Io: “più o meno”. E lui: “ok, entra e gioca…”».

AIUTO A MAXWELL – «Giocai esterno. Maxwell si avvicinò: “Puccio, stammi vicino che non ce la faccio più”».

RIMPIANTO – «Ho un rimpianto per quella partita. Chiesi l’uno-due a Suazo. Ero solo, ma lui invece di restituirmi palla calciò in porta…».

Fonte: Vincenzo D’Angelo – La Gazzetta dello Sport







ALTRE NOTIZIE