Primo Piano

Pinamonti: «All’Inter, Icardi mi prese sotto la sua ala! Empoli mi serviva»

Andrea Pinamonti, proprietà Inter e ultima stagione all’Empoli, si è confidato a tutto tondo parlando dei suoi inizi con l’Inter dei grandi. L’approccio con Icardi e il primo incontro con Raiola

RICORDO DI ICARDIPinamonti racconta gli inizi all’Inter dei grandi: «Appena sono salito in Prima Squadra, Icardi mi ha preso sotto la sua ala, dicendomi che gli ricordavo se stesso arrivato a Genova, giovanissimo e perso tra le novità. Al mio primo anno fuori dal convitto non riuscivo a trovare un appartamento, così lui mi ha prestato una casa davanti alla sua per due settimane. E dato che ero proprio un pischello senza patente, ogni mattina mi accompagnava al campo e mi riportava indietro. Mi facevo scarrozzare. Ha visto qualcosa in me».

CARICA − Prima di scendere in campo, Pinamonti guarda un video specifico: «A dire il vero, prima di scendere in campo vado anche nella galleria delle immagini. Tra i preferiti ho salvato un video di un mio gol nel settore giovanile, in un derby contro il Milan. Giocavo 3 anni sotto età, entro a 5’ dalla fine e segno il 2-0, con tutta la panchina che si riversa in campo ad abbracciarmi».

INCONTRO RAIOLAPinamonti ricorda il procuratore da poco scomparso: «Il colloquio calcistico che non dimenticherò mai è il primo avuto con Mino. Mi rimarrà impresso per sempre. Quando ho scelto di cambiare agente, lui mi aveva contattato per una chiacchierata. Ci trovammo in un ristorante a Milano, c’erano anche i miei genitori. Bastò un’ora per cambiare la mia visione del calcio, la mia ottica era stata rivoluzionata. Ho impresse tutte le parole. Finita la cena dissi ai miei: «Voglio firmare per lui, è il numero uno». Poche parole, a volte con modi crudi, tanto che all’inizio i miei mi guardavano come a dire: «Ma sei davvero sicuro?». Più passavano i minuti, più anche loro si convincevano. Non aveva peli sulla lingua, ti stravolge tutto. Quando non giocavo a Frosinone, mi chiamava per dirmi di stare sereno. Era diretto e ti motivava con orgoglio e stimoli».

GRAZIE EMPOLI − Infine, Pinamonti ha voluto ringraziare il club toscano per l’opportunità datagli: «Dovrò ringraziarli eternamente per aver insistito nel volermi con loro. Il direttore Accardi, a fine chiacchierata, mi disse: «Adesso devi decidere tu, ma fammelo sapere entro oggi. La deadline è a mezzanotte». Gli ho scritto che avrei accettato 10 minuti prima della scadenza, alle 23:50, e non avrei potuto fare scelta migliore. Non che non fossi convinto, dopo le ultime dovevo scegliere bene. Non potevo sbagliare. E non potevo scegliere in modo migliore. Ho vissuto un annata da protagonista, punto di riferimento all’interno di un progetto»

LAVOROPinamonti sull’organizzazione in casa Empoli: «Lavorano bene, vogliono bene ai ragazzi, alle giovanili e alla femminile. Ti confronti con persone alla mano, vivi con serenità giorno dopo giorno. Ero rimasto all’Inter consapevole di non giocare, ma è stata una stagione produttiva perché ho imparato tanto. Solo all’inizio avevo paura di aver preso una decisione errata. Mi serviva venire a Empoli: è un posto che consiglierei a tutti. In nerazzurro ho fatto a sportellate con difensori fortissimi in allenamento e rubato con gli occhi a Lukaku, Lautaro e Sánchez».

Fonte: Cronache di Spogliatoio

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Cambia le impostazioni della privacy
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh