Primo Piano

Moratti: “Eriksen via dall’Inter se così, Conte ha ragione su Kanté! Ma io…”

Moratti – ex Presidente dell’Inter -, intervenuto a “La politica nel pallone” sulle frequenze di Rai GR Parlamento, parla del calcio in tempi di Covid-19 e ovviamente dell’attuale squadra di Conte. Non mancano i “consigli” di mercato, a partire dalla situazione Eriksen

TRA SUNING E CORONAVIRUS – Il calcio è cambiato e Massimo Moratti lo sa bene: «Quella del Milan è una situazione diversa, invece la gestione attuale dell’Inter è più simile alla nostra. Suning è una grandissima industria cinese, ma è una famiglia. Ci fa sperare che abbiano voglia di rimanere all’Inter e, come dicono loro, di investire e avere soddisfazioni importanti. Adesso tutto è confuso per la pandemia, ma le basi mi sembrano forti. Il calcio è specchio della società. Oggi è differente il costo, che è troppo caro. Per questo i proprietari delle società devono essere grandi gruppi, come sta accadendo oggi a Milano. E anche per questo non c’è vicinanza con i tifosi. Quando ho preso l’Inter ricordavo il calcio che era di mio papà Angelo, invece è cambiato (ride, ndr). La gente si riavvicina e re-innamora grazie ai campioni. Zlatan Ibrahimovic era fantastico quando era con noi e lo è anche ora. Mi era anche molto simpatico. È un giocatore fuori da ogni schema. Oggi è il trascinatore del Milan, che deve sperare duri tanto».

DA ERIKSEN A CONTE – Anche Moratti viene interpellato sul “caso” mediatico del momento: «Capita ogni tanto di fare degli acquisti, inserendo talenti nella squadra che per qualsiasi ragione – caratteriale, tempo o altro – non riescono ad avere successo nella nuova squadra. Questo è successo a Christian Eriksen. Il calcio è paziente ma fino a un certo punto. Pur essendo un bravissimo giocatore, dovesse continuare con questo ritmo, immagino che l’Inter possa scambiarlo. Bisogna vedere se riesce a inserirsi nel calcio italiano, perché è un bel giocatore. Quest’anno è una stagione di una stranezza tale… Tutto lo è. Il Covid-19 ha cambiato tutti i nostri progetti e la nostra vita. E ovviamente riguarda anche Antonio Conte, che però è molto attento, ha un carattere forte e certamente sa fare bene il suo mestiere. Non sempre tutto deve finire subito. Spero per l’Inter che il suo lavoro, che dice e fa, porti benefici. In questo momento gli do ragione perché vedrei bene N’Golo Kanté, che è un campione che sarebbe molto utile alla squadra. Poi io avrei preso Kalidou Koulibaly del Napoli, che per me è il miglior difensore in Europa. Con un difensore così completo vinci il campionato! Ma questa è una cosa mia (ride, ndr)».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh