Primo Piano

Marotta: «Superlega? Principio di buona fede. Cairo? Ricevuto minacce!»

Marotta, Amministratore Delegato nerazzurro, prima di Spezia-Inter, ai microfoni di “Sky Sport” ha parlato ovviamente del tema legato alla Superlega con una premessa, lo stop della competizione, la situazione finanziaria nel mondo dello sport e al termine dell’intervista ha anche commentato le parole di Urbano Cairo.

LA PREMESSAMarotta prima di Spezia-Inter, ai microfoni di Sky Sport ha parlato così: «Faccio una premessa: l’iniziativa è stata portata avanti dai dodici proprietari dai club. Alla luce della situazione attuale economica dei club dove i costi sono rimasti certi e i ricavi incerti. La valutazione di questi proprietari era che questo modello di calcio è un modello superato, quindi bisognava trovare una possibilità di valorizzare al meglio le proprie risorse. Questo è stato fatto, alla luce di un sistema calcio che è a rischio default. I singoli bilanci dell’intero scenario calcistico, la voce del costo è quello del lavoro, cioè gli stipendi, che si aggira intorno al 60-70% del fatturato, quindi togli le plusvalenze. Non c’è nessun azienda imprenditoriale che potrebbe andare avanti. Questo modello attuale non garantisce stabilità e futuro, quindi era anche doveroso andare alla ricerca di qualcosa che potesse cambiare questo modello».

STOP SUPERLEGA – Marotta spiega il motivo dello stop della competizione: «Stop della competizione? Perché sono stati sottovalutati gli aspetti importanti cioè la voce dei tifosi che rappresentano la voce di questo calcio. I sei club inglesi si sono giustamente defilati secondo le loro logiche. Dobbiamo trarre delle lezioni e delle positività. Se questo progetto è fallito evidentemente ci sarà un motivo».

PAROLE DI MALDINI – Marotta ha commentato anche le parole di Maldini nel pre-partita di Milan-Sassuolo: «Io coinvolto? Questa operazione è stata portata avanti dalle proprietà, la dirigenza dell’Inter non è arrivata direttamente anche se le informazioni ci arrivavano. Tutto si è consumato negli ultimi giorni. Nella logica di una struttura operatività aziendale è giusto che i compiti vengano anche divisi. Io e Antonello ci siamo concentrati in questo periodo nella gestione quotidiana del club. La mia opinione in merito? La buona fede di questa azione è nata dal fatto che i proprietari sono alla ricerca di introiti».

RISCHIO DEFAULT – Marotta parla del rischio finanziario di tutti i club: «Siamo davanti a una situazione paradossale come tutti i settori imprenditoriali. Se non intervengono le istituzioni dello sport e del calcio, e non parlo necessariamente del Governo, per creare un modello che dia continuità e stabilità, altrimenti non si riesce ad andare avanti. Negli ultimi sette anni Milan, Inter e Juventus hanno speso un miliardo di euro nell’acquisizione di giocatori. Oggi è impossibile sostenere questi costi, e questo ne va a discapito di un fenomeno della promozione dei giocatori e della competitività. Oggi si può ragionare in termini di ricavi caratteristici che sono molto contratti perché gli sponsor sono delle aziende e non posso investire. Questa azione ha avuto un principio di buona fede, ma nel massimo rispetto dei tifosi e della meritocrazia! Un club è un fenomeno sportivo e sociale e quindi con dei valori perché abbiamo dei giovani».

SU CAIRO – Marotta conclude commentando le parole di Urbano Cairo, presidente del Torino: «Innanzi tutto i fondi non c’entrano proprio niente perché in questo progetto sono intervenuti tre leghe. In secondo luogo, quando le decisioni sono state prese da diverse società. Il dissenso verso i fondi è nato anche da altre società, ma io non voglio entrare dentro questi temi. Fermo restando che il principio del dissenso è un atto democratico, quel che non concepisco è l’atto violento di Urbano Cairo fatto pubblicamente, non considerando anche le minacce che ho ricevuto, pubbliche e anonime. Puoi esprimere un tuo parere, ma inviti con molta calma, perché io non ho tradito nessuno. Non sono un giuda! Chi mi conosce sa che sono innamorato di questo sport e cercherò sempre di fare il bene del calcio. Mi dimetterò? Il Consiglio Federale è un’attività di semplice servizio e non è remunerato. Lo faccio per amore di questo sport e di queste società, ma nell’interesse dei club. Avremo una riunione e rimetterò il mandato, se la maggioranza non vorrà che io continui in questo organismo federale, farò un passo indietro».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh