Primo Piano

Marotta: «Green pass, tutela per tutti. Eliminare metro di distanziamento»

Beppe Marotta, Amministratore delegato dell’Inter, ha parlato delle nuove disposizioni governative. Sul Green Pass si è espresso con entusiasmo, mentre sul metro di distanziamento meglio eliminarlo

GREEN PASS − Così Beppe Marotta sulle nuove disposizioni governative: «Sarebbe utile eliminare il metro di distanziamento tra un posto e l’altro, tenendo obbligatorio il Green Pass, che in questo momento rappresenta il massimo della tutela per tutti. Con il distanziamento, la capienza, prevista al 50%, verrebbe ridotta al 25/30%. Questa situazione provocherebbe un danno considerevole alle casse dei club. Pur apprezzando la decisione sulla riapertura, cerchiamo di lavorare tutti insieme per rendere gli stadi più sicuri e vivibili, senza perdere di vista gli introiti».

DANNO − Marotta ha aggiunto anche: «Nelle ultime ore si è parlato tanto di questo argomento. La cosa più importante è la tutela della salute dei cittadini e dei tifosi. Prendo atto della decisione delle autorità governative che hanno stabilito la riapertura degli stadi al 50% della loro capienza, in realtà bisogna fare un ragionamento ulteriore. In quasi tutti gli impianti italiani, utilizzando i parametri che sono stati proposti dal Governo, la capienza verrebbe ridotta ulteriormente al 25/30%. Questa situazione provocherebbe un danno economico considerevole alle casse dei club».

COLLABORAZIONE − Così ha concluso l’AD dell’Inter: «So che il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, si sta prodigando in questi giorni per venire incontro a questa esigenza delle società. Sarebbe, forse, più utile eliminare il metro di distanziamento tra un posto e l’altro tenendo obbligatorio il Green Pass, che in questo momento rappresenta il massimo della tutela per tutti. Pur apprezzando la decisione presa dal Governo sulla riapertura al pubblico, cerchiamo di lavorare tutti insieme per rendere gli stadi più sicuri e totalmente vivibili. Senza perdere di vista la parte degli introiti per i club: l’Inter, ad esempio nelle ultime due stagioni, ha dovuto registrare un mancato introito pari a circa 120 milioni. Questa collaborazione garantirebbe un aiuto rilevante alla voce ‘ricavi’ nei bilanci di ogni società».

Fonte: Sport Mediaset.it

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button