Primo Piano

Marotta: “Calcio, situazione drammatica per gli stipendi! Quelli dell’Inter…”

Marotta – intervenuto come ospite a “Glocal 2020 – Il mondo dello sport deve riunirsi per uscire indenne dalla pandemia”, Festival del Giornalismo organizzato da “Varese News -, spiega la drammatica situazione in cui versa il calcio italiano dopo la crisi causa dal Coronavirus. E prende l’esempio dell’Inter per far capire cosa non può più funzionare. Di seguito il primo estratto del suo lungo intervento

RICAVI MANCATI – Il calcio italiano rischia di crollare e Beppe Marotta spiega perché: «Ci siamo imbattuti in questa pandemia, che un anno fa era quasi sconosciuta. L’impatto è stato violento. In primis per la salute, che ha causato paura e si è visto in campo. La prima polemica è riguardata Juventus-Inter, prima rinviata e poi giocata a porte chiuse. Quello è stato davvero qualcosa di unico. Nell’ambito della tutela della salute c’è stata inesperienza, a partire da quello medico. Troppa “ignoranza” che però tendeva a tenere in alto un movimento sociale importante come il calcio, che si è trovato davanti a un fenomeno straordinario in negativo. Il nostro obiettivo all’inizio è stato mettere in sicurezza giocatori e dipendenti con le loro famiglie, attraverso il protocollo, che pian piano è stato migliorato. E garantire sostenibilità al sistema calcio. Le difficoltà riguardano i ricavi mancati dal matchday e dagli sponsor, che hanno iniziato a ridurre gli investimenti pubblicitari».

ALLARME STIPENDI – Marotta centra subito il punto in cui intervenire: «Oggi l’unica soluzione è combattere il costo di lavoro, che è troppo alto. Noi come Inter non siamo riusciti a negoziare la riduzione degli stipendi dei nostri tesserati. Anche perché siamo l’unica società che ha finito di giocare il 20 agosto e andare a chiedere ai giocatori dopo gli straordinari fatti a luglio e agosto, anziché riposarsi in vacanza, Arrivando in finale di EL, non abbiamo pagato premi, ma non siamo riusciti a ridurre gli stipendi. Siamo davanti a una situazione drammatica dal punto di vista economico-finanziaria, soprattutto finanziaria. Il problema è legato agli stipendi, oggi. E non si possono chiedere finanziamenti allo Stato. Noi vorremmo fare un differimento delle tasse per poter essere considerati diversamente rispetto a oggi, perché muoviamo tantissimo a livello professionistico. Oggi non dobbiamo pensare ad aumentare i ricavi, basterebbe ridurre i costi. Altrimenti si fallisce. Il mecenate che ricapitalizza ogni volta non esiste più».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh