Mancini conferma i nostri dubbi: realtà o pretattica?

Articolo di
17 gennaio 2015, 12:12
Mancini

L’Inter è alla ricerca di un centrocampista da regalare a Mancini. Il tecnico nerazzurro sogna Lucas Leiva, ma il brasiliano non ha i requisiti adatti, come fatto intendere dallo stesso Mancini. Scopriamo insieme perché e come potrebbe agire l’Inter in sede di mercato.

IL PROBLEMA LISTA UEFACome analizzato ieri, la compilazione della lista UEFA potrebbe creare più di qualche problema all’Inter, che ha un solo modo per ricorrere ai ripari: agire in maniera saggia sul mercato. Mancini ha chiesto un centrocampista, in particolare un mediano con determinate doti tecnico-tattiche, indicando Lucas Leiva come identikit ideale. Il brasiliano del Liverpool, però, non potrebbe giocare in Europa League, così come l’alternativa Mario Suarez, spagnolo dell’Atletico Madrid.

LE DICHIARAZIONI DI MANCINI – Il tecnico nerazzurro, Roberto Mancini, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Inter Channel, subito dopo la fine della conferenza stampa pre-partita: «A centrocampo stiamo cercando qualcuno che possa essere disponibile anche in Europa League, ci sono due o tre giocatori interessanti che non stanno trovando spazio con le loro squadre, vediamo quale sarà la soluzione migliore e più veloce per noi». Porte chiuse per Lucas Leiva e soci, dunque. Ma non è detto, anzi.

IL CENTROCAMPISTA IDEALE – Escludendo dunque Lucas Leiva e Mario Suarez, l’Inter potrebbe rituffarsi su Lassana Diarra, che, oltre a essere iscrivibile nella lista UEFA, arriverebbe a parametro zero. Il centrocampista francese sarebbe solo un antipasto per Mancini, uno di quei giocatori di contorno che andrebbero bene fino a fine stagione, ma non per ripartire insieme con l’inizio della nuova stagione. Diarra sostituirebbe il connazionale M’Vila e potrebbe anche andar bene, ma l’Inter ha bisogno anche di un titolare di livello, che difficilmente arriverà a gennaio. Oltre all’ex numero 10 del Real Madrid, l’Inter potrebbe riaprire la pista spagnola che porta a Ignacio Camacho, mediano classe ’90 del Malaga. L’ideale sarebbe un acquisto “alla Kovacic”, arrivato a sorpresa nel gennaio di due anni fa, ovvero un giovane talento da inserire negli schemi nerazzurri. Mancini, però, preferirebbe un giocatore già pronto, che dovrebbe necessariamente poter giocare in Europa League. I nomi accessibili, dunque, sono pochi.

SARA’ COSI’? – Nonostante le dichiarazioni di Mancini, bisogna considerare che il tecnico nerazzurro è famoso per utilizzare molta “pretattica” nelle sue parole. Negli ultimi anni si è perfezionato nella psicologia inversa e spesso dice “A” per intendere “B”. Probabilmente alla fine arriverà proprio Lucas Leiva, suo obiettivo dichiarato, o peggio ancora sarà il turno di Mario Suarez, reso celebre dalla “gaffe” (costruita ad arte) in cui Mancini lo confonde con Luis Suarez del Barcellona. Insomma, non possiamo sapere cosa succederà nel corso di questa sessione di mercato, ma possiamo immaginare che le sorprese non finiranno qui. Un centrocampista, in ogni caso, arriverà. Vedremo se sarà (solo) Susic, come trapelato nella serata di ieri, oppure qualche altro…

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE