Juan Jesus: “Io primo interista. Momento difficile è alle spalle”

Articolo di
22 aprile 2015, 15:14
juan jesus

Ad Appiano Gentile è tempo di conferenze stampa. Nelle scorse settimane è toccato a Shaqiri, Ranocchia e Medel, oggi è stato il turno di Juan Jesus. Il giovane difensore centrale nerazzurro non sta attraversando un momento magico, tanto da aver spinto molti a chiederne la cessione.

OCCASIONE PERSA – “L’atmosfera del derby è stata bellissima, giocare in un stadio così che fa venire la pelle d’oca è il sogno di qualsiasi bambino che gioca a calcio. Ci dispiace davvero per il risultato, è stato un vero peccato. Ma ripeto, i tifosi sono stati straordinari, quando un pubblico è così ti aiuta a dare tutto. Addio Europa? Sicuramente abbiamo buttato all’aria una ghiotta opportunità ma il campionato è ancora lungo. Il calendario è chiaro: ci sono ancora sette partite e noi dobbiamo mettercela tutta per vincerle tutte e sette“.

FUTURO DA TERZINO? “In questo ruolo, vedendo le statistiche, sono migliorato tantissimo. Per me è una posizione nuova da quando gioco nell’Inter perché devo attaccare molto di più. Poi io sono sempre a disposizione di questa squadra e di Roberto Mancini. Il mister mi dice che devo giocare lì e io ci gioco, lo faccio senza alcun tipo di problema”. 

FEDELTA’ “Io ammetto che ho avuto dei problemi per quanto riguarda la concentrazione. Tutti sanno che, negli ultimi mesi, ho passato un momento difficile ma non ne voglio più parlare. Posso solo dire che sto lavorando ancora di più per il bene di questo gruppo. Noi siamo uomini e non delle macchine. I problemi personali possono capitare a tutti e io non devo chiedere scuse a nessuno. Il mio futuro? Lo vedo all’Inter e in nessuno altro posto. Questa è la mia seconda casa e io darò tutto me stesso per questa squadra”.

 

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE