Inter, Tonali pagato da Icardi? Si studiano mosse e contropartite – GdS

Articolo di
31 Maggio 2020, 09:41
Sandro Tonali
Condividi questo articolo

L’Inter studia la strategia per dare l’assalto a Sandro Tonali, centrocampista classe 2000 del Brescia. Il gruzzolo accumulato dalla partenza di Icardi concede un piccolo vantaggio iniziale sulla Juventus. Ma questa posizione preferenziale non andrà sprecata

EREDITÀ – Potrebbe essere l’ultimo regalo di Mauro Icardi ai tifosi dell’Inter. L’unico, per la verità, da circa un anno a questa parte. I nerazzurri stannno per mettere le mani sul gruzzoletto del riscatto, esercitato dal Paris Saint-Germain. Finale necessario di una storia complessa ed intricata (ne parliamo QUI). Di certo, con questo vantaggio iniziale, battere la concorrenza della Juventus per Sandro Tonali avrebbe un valore estremamente simbolico.

CAREZZE – Servirà un grande lavoro ai fianchi per costringere Massimo Cellino, presidente del Brescia, a mollare la presa su Tonali. Nelle prossime settimane la trattativa dovrebbe entrare nel vivo, ma difficilmente il classe 2000 si muoverà per un’offerta inferiore ai 35 milioni più bonus (comunque esigua rispetto alla valutazione che ne fanno le Rondinelle). Un lavoro ai fianchi che l’Inter ha già messo in piedi con le parole del ds Piero Ausilio, qualche giorno fa (QUI per recuperarle). Una serie di carezze che a Tonali avranno fatto piacere e che suonano come un esplicito corteggiamento.

MOSSE – Dalle timide carezze al primo bacio, passano circa 50 milioni di euro. È questa la valutazione che Cellino ha cucito addosso al suo Tonali. Una cifra difficilmente pareggiabile in tempi pre-pandemia, ancor più adesso. Ecco perché l’Inter sta studiando le ipotesi per abbassare le pretese per la parte fissa. L’inserimento del cartellino di Sebastiano Esposito, in prestito, non sembra una soluzione percorribile. In primis perchè Cellino è restio nel valorizzare calciatori non di sua proprietà, e poi perché il giovane campano difficilmente accetterebbe la B (a cui il Brescia sembra destinato). Ecco perché si battono altre strade, come l’inserimento del cartellino di Andrea Pinamonti, sul quale l’Inter conserva un principio di recompra dal Genoa. L’offerta finale, a quel punto, toccherebbe quota 40 milioni tra parte fissa e contropartita, con prospettive di incasso future per Cellino e il Brescia. Forse soltanto così l’Inter riuscirà a scavalcare quel muro che la separa dal grande amore Sandro Tonali.

Fonte: La Gazzetta dello Sport


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer






ALTRE NOTIZIE