Inter, Conte, il catenaccio, e il bisogno di etichette nel mondo del calcio

Articolo di
15 Febbraio 2021, 21:00
MILAN, ITALY – FEBRUARY 14: FC Internazionale head coach Antonio Conte reacts during the Serie A match between FC Internazionale and SS Lazio at Stadio Giuseppe Meazza on February 14, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)
Condividi questo articolo

L’Inter di Antonio Conte vince ma non convince. Il tecnico italiano viene definito catenacciaro, in un calcio che necessita di etichette.

MAI CONTENTI – Quello tra l’Inter, Antonio Conte e i media (e anche certi tifosi) è un rapporto all’insegna dell’insoddisfazione. Un percorso, per citare il tecnico, in cui godersi un risultato non è assolutamente concesso. Dopo anni di magra arrivano un secondo posto in campionato e la finale di Europa League? Poco importa, lo stile di gioco dell’Inter non è sufficientemente arioso. Conte spreca i primi due mesi della nuova stagione cercando una proiezione maggiormente offensiva? La rosa nerazzurra non ha sufficiente qualità (ma è pur sempre obbligata a vincere). Conte ripristina il suo amato 3-5-2, torna a macinare vittorie (otto consecutive) e vince sia contro Juventus che Lazio in un mese? I nerazzurri lasciano il pallino del gioco agli avversari, non controllano abbastanza il match. Un confronto francamente frustrante, soprattutto se si attende la pubblica approvazione.

CATENACCIO – L’ultima accusa in ordine temporale che viene mossa all’Inter di Conte è quella di coprirsi troppo. Anche ieri, contro la Lazio, si è vista una squadra col baricentro molto basso, in grado però di essere letale sulle ripartenze. Ma in quale misura questo può essere visto come un limite? Meglio adeguare una squadra alle sue caratteristiche intrinseche, o provare a violentarne l’identità tattica nella ricerca spasmodica di una qualità superiore? Domande che persistono da decenni nel mondo del calcio, ma che continueranno a non trovare risposte certe. E il segreto sta proprio nel non porsi tali dubbi, rinunciando asceticamente all’oggettività. L’Inter di Conte ha un’identità solida, che produce risultati esaltando le caratteristiche di ogni elemento. E l’unica etichetta che interessa al tecnico nerazzurro è quella della vittoria.

 




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.