Primo Piano

Hakimi: «Orgoglioso dell’Inter. Dico grazie a Conte per avermi migliorato!»

Hakimi, nuova intervista, questa volta rilasciata attraverso ai microfoni di The Athletic. Il terzino nerazzurro ha parlato del suo arrivo all’Inter, delle difficoltà iniziali, dell’aiuto di Antonio Conte e del nuovo logo nerazzurro.

IL CAMPIONATOHakimi inizia l’intervista parlando della stagione dell’Inter, del vantaggio sulla seconda in classifica e l’obiettivo scudetto: «La stagione è andata bene finora, vogliamo che finisca nel migliore dei modi. La partita che ricordo di più è stata quella contro la Fiorentina, abbiamo fatto una grande rimonta (da 3-2 a 4-3, ndr), era il mio debutto. Sono entrato e sono riuscito a realizzare l’assist per Romelu Lukaku, un bel ricordo. Scudetto? Siamo rilassati, conosciamo il vantaggio che abbiamo, ma dobbiamo pensare partita dopo partita. C’è ancora molto da giocare, vogliamo difendere il vantaggio e vincere qualcosa».

LOGO INTER – Hakimi parla in particolare del logo, esprimendo un suo personale parere: «È un logo molto carino e riguarda la crescita e il futuro. Un logo fantastico, sono orgoglioso di poterlo indossare!».

LA VELOCITÀ – Hakimi spiega una delle sue abilità migliori, cioè la velocità: «È una cosa che ho geneticamente. Sono sempre stato un giocatore veloce. A scuola facevamo atletica leggera. Ho ancora un bel po’ di medaglie a casa dei miei genitori!».

SU CONTE – Hakimi parla in particolare di Antonio Conte e del suo aiuto, soprattutto dopo il suo arrivo: «Lavora molto sugli elementi tattici. Dato che ero nuovo, voleva che perfezionassi l’aspetto difensivo per adattarmi più rapidamente al suo stile di gioco. Ho dovuto cambiare alcune cose del mio stile di gioco, ma anche per il mio bene. Abbiamo lavorato anche sulla concentrazione e il posizionamento: quando bisogna uscire dalla linea difensiva e altro ancora. Conte in questo mi ha aiutato, dico grazie a lui per avermi aiutato a migliorare».

GLI INIZI – Hakimi conclude parlando della sua mentalità offensiva e di come ha iniziato a giocare: «Ho iniziato a giocare da attaccante, per questo la mia mentalità è sempre rivolta verso l’attacco. Marcelo è sempre stato un grande giocatore, un ispirazione per me. Ho imparato molto da lui».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh