Primo Piano

De Siervo: “Pubblico negli stadi? Visto a Budapest, mi auguro in Italia”

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, ha parlato della decisione del Presidente della Regione Sardegna di concedere l’ingresso a una parte del pubblico per Cagliari-Lazio auspicando che presto possa tornare il pubblico in tutti gli stadi d’Italia. Le dichiarazioni di De Siervo in una nota stampa della Lega Serie A

UN AUSPICIO – De Siervo prende come spunto il provvedimento della Regione Sardegna, ultimo di una serie di analoghi provvedimenti presi da diverse regioni, per imbastire il suo discorso sul ritorno nel pubblico negli stadi di Serie A: «Ringrazio il Presidente della Regione Sardegna Solinas per l’ordinanza con la quale ha permesso l’entrata di mille spettatori alla Sardegna Arena già dalla gara di oggi. Per garantire un equilibrio nella competizione era importante avere anche a Cagliari, come negli altri stadi, una iniziale riapertura al pubblico. Giovedì scorso mi sono recato in Ungheria per assistere di persona alla prima gara europea in presenza di tifosi. Le società di A stanno attuando un protocollo ancora più scrupoloso di quello utilizzato nella Supercoppa europea per cui mi auguro che presto, valutando l’andamento della curva epidemiologica e tutelano la salute di chiunque entri in uno stadio, si possano ritrovare progressivamente in Italia quei momenti di gioia vissuti sugli spalti dai tifosi a Budapest».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.