Primo Piano

Danovaro: «Inter, novità con due partner. Tre giocatori strategici per brand»

Luca Danovaro, Chief Marketing Officer Inter, in occasione del Social Football Summit ha parlato di innovazione e novità relative a tutto il mondo Inter

PARTNERDanovaro parla di Socios e Digital Bits: «Il lavoro mio e di tutto il team è quello di essere pronti in qualsiasi momento. Noi siamo una squadra di calcio e le nostre prestazioni sul campo sono un volano che fa crescere tutto il movimento intorno a noi. Ci sono novità, con i due nostri partner più importanti Socios e Digital Bits. Stiamo lavorando per facilitare l’accesso alla squadra ai nostri fans. Socios è presente nella quotidianità, ha permesso di avvicinare i fans. Ci sarà una sorpresa per la Supercoppa, senza spoilerare nulla, i tifosi potranno decidere un qualcosa che entrerà nel campo. Con il secondo, ci si apre a nuovi mondi. Loro hanno trovato nell’Inter un volano per ulteriori lavori e noi stiamo sviluppando un percorso di innovazione tecnologica. Stiamo creando un’app particolare in cui attraverso la realtà aumentata è possibile introdurre la criptocurrency e di avere accesso al club in determinati momenti. È un partner importante per crescere insieme».

CURIOSITÀDanovaro ritiene che i grandi nomi portano collaborazioni: «Sicuramente i grandi nomi interessano anche i nostri partner. Tipo Marcelo Brozovic che aiuta anche i nostri partner o Arturo Vidal e Alexis Sanchez che sono due eroi nel mondo sudamericano. Ci permettono di entrare in mondi difficilmente accessibili. Noi crediamo molto nel comunicare a livello territorio, a fine mese andremo in Brasile che negli ultimi due anni ha sofferto molto per il Covid-19. Abbiamo trovato imprenditori che si sono legati all’Inter e sono state aperte 16 scuole calcio con il marchio Inter. Per un grosso club si deve guardare sia in Italia che all’estero. Dobbiamo creare curiosità a chi ama lo sport o chi ha passione per l’influencer marketing. Bisogna creare curiosità per far crescere la fan bases».

CAMBIAMENTI − Sull’impatto della pandemia, così Danovaro: «La programmazione è un lavoro di quattro anni fa. Dobbiamo essere dinamici perché la vittoria fa accelerare certi momenti. Un club di calcio è un’azienda a tutti i sensi. Vi è questa dinamicità che dipende dal risultato, lo scorso anno abbiamo avuta questa accelerazione. La pandemia ha cambiato un po’ tutti. Noi abbiamo dovuto cambiare il modo di comunicare, ha accelerato la digitalizzazione con engagement virtuale. Prima era molto bello far chiacchierare i nostri fans con giocatori del passato. Con la pandemia ci siamo dovuti abituare a call e conferenze virtuali».

ALTERNATIVE − Per Danovaro, occorre sempre avere dei piani: «Noi abbiamo sempre un piano A e B. Bisogna essere sempre molto veloci per passare da questo piano all’altro. Negli ultimi anni, abbiamo fatto dei piani di vittoria che non è arrivata. Invece nell’ultimo anno il piano preferito ci è andato molto bene».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button