CorSera: “Mancini ha in mente la nuova Inter: via in 13!”

Articolo di
7 aprile 2015, 08:04
mancini

Fabio Monti, inviato del “Corriere della Sera”, analizza il momento dell’Inter con Mancini che ha deciso di far partire chi non si è dimostrato all’altezza della maglia nerazzurra. E’ venuto il tempo di far capire a tutti che non si può più scherzare e che bisogna impegnarsi al massimo:

MANCINI – «Forse è venuto il momento di fare la rivoluzione per cambiare le cose», ha detto Mancini nel post partita di sabato pomeriggio. Tutti in castigo il giorno di Pasqua e a pasquetta. Abolito il riposo fino alla gara di sabato contro il Verona. Monti sottolinea come dopo aver difeso anche l’indifendibile, Mancini ha capito che è venuto il momento di congedare chi non è da Inter, al di là dell’impegno, della dedizione e della volontà. Essere all’altezza del club significa, secondo Mancini, saper gestire le situazioni più complicate ed anche l’effetto San Siro.

SICURI DI RESTARE – Pochissimi quelli sicuri di rimanere ad Appiano Gentile: Shaqiri, Santon, Medel, Brozovic, Palacio e D’Ambrosio. Forse Nagatomo e Carrizo e, ovviamente, Murillo, primo acquisto della nuova stagione.

PARTENTI – C’è chi dovrebbe partire per fare cassa (Handanovic, Ranocchia, due tra Hernanes, Kovacic e Guarin); chi se ne andrà perchè il contratto è in scadenza (Campagnaro e Jonathan) o per fine prestito (Podolski). E chi dovrà fare le valigie perchè il tempo è scaduto: Juan Jesus, Dodò, Vidic, Kuzmanovic, Andreolli.

ICARDI – C’è un caso Icardi: Mancini vuole ripartire da lui ma sul prolungamento del contratto non c’è accordo: il manager dell’argentino vorrebbe che l’adeguamento del contratto fosse retroattivo dal 1 luglio 2014.

Idee chiare per Mancini. Auguriamoci che le abbia anche la società a cominciare dal presidente Thohir.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE