Primo Piano

Cordaz svela: «Da fuori mi hanno impressionato 4 giocatori della nostra Inter»

Cordaz racconta le sue emozioni legate alla maglia nerazzurra. Il terzo portiere dell’Inter è il protagonista del Matchday Programme realizzato da Inter Media House alla vigilia di Inter-Spezia. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni

DEBUTTO NERAZZURRO – Prima di andare via da Milano, Alex Cordaz è riuscito a debuttare con la maglia dell’Inter. Ed è proprio quella la partita che il classe ’83 nerazzurro, rientrato alla base solo quest’estate, non può dimenticare: «Tra le partite che più mi hanno emozionato, la prima che mi viene in mente è con questa maglia. L’esordio in Prima Squadra nella semifinale di andata di Coppa Italia contro la Juventus! Sono entrato su Alvaro Recoba dopo l’espulsione di Francesco Toldo nel 2-2 deciso dalle doppiette di Adriano e Marco Di Vaio».

3 MOMENTI – Cordaz indica tre “momenti” che riguardano la sua Inter di ieri e quella di oggi: «Indossare di nuovo questi colori è stato come fare un salto nel passato, nei luoghi di cui ho ricordi bellissimi come la conquista dello Scudetto Primavera nella stagione 2001/02. Sono ancora in contatto con qualche compagno di quella squadra: Mattia Altobelli, Nicola Beati, Goran Pandev… Ho vissuto l’Inter dall’interno e da avversario prima di vestire di nuovo questa maglia. Da “fuori” nelle ultime stagioni ho visto una squadra che lottava sempre per vincere e giocatori che mi hanno impressionato come Alessandro Bastoni, Milan Skriniar, Nicolò Barella e Lautaro Martinez, tra gli altri… Questo è un gruppo particolare, una squadra che scende in campo con lo Scudetto cucito sul petto, costruita con giocatori di valore che però sono ragazzi semplici, sempre disposti a lavorare e pronti ad aiutarsi». Queste le parole di Cordaz alla vigilia di Inter-Spezia di Serie A.

Fonte: Sito Ufficiale dell’Inter [Inter.it] – Inter Media House

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button