Conte: “Vidal e mercato? Valutazioni fatte, l’Inter sa. E quello che farà…”

Articolo di
5 Gennaio 2020, 14:18
Antonio Conte in conferenza stampa Antonio Conte in conferenza stampa
Condividi questo articolo

Conte – protagonista in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Inter, diciottesima giornata del Campionato Italiano di Serie A 2019/20 – risponde a quasi tutte le curiosità dei presenti in sala stampa, escluse le domande sul mercato. Nessuno spunto su Vidal né su altri nomi, in testa solo il Napoli di Gattuso. Ecco il contenuto ripreso in diretta da Inter-News.it

Come hai trovato la squadra dopo la sosta e che partita ti aspetti a Napoli?
Bene, ho trovato i ragazzi bene, riposati e con la giusta voglia e determinazione. Sono contento da questo punto di vista. Ci aspettiamo sicuramente una partita difficile a Napoli. Sapete cosa penso della rosa del Napoli, ha grande qualità. C’è stato questo cambio di allenatore con Gattuso e dovremo fare molta attenzione perché è un’ottima squadra. Gattuso ha grande motivazione da trasferire ai suoi giocatori.

Le prossime due partite devono farti capire che l’Inter è pronta per alzare l’asticella?
La partita di domani è impegnativa contro un avversario forte e su un campo molto difficile. Fare una buona prestazione e punti a Napoli darebbe ancora più fiducia in quello che di buono è stato fatto in questo scorcio di stagione. Abbiamo iniziato un percorso, stiamo lavorando e facendo buone cose, però sappiamo benissimo che non bisogna essere troppo semplici nei discorsi. Attraverso il grande lavoro abbiamo ottenuto 42 punti e il lavoro dovrà darci quella garanzia per andare avanti.

Cosa farà la differenza da qui alla fine?
A me interessa costruire qualcosa di positivo insieme a questi ragazzi. Anche viste le difficoltà affrontate, pochi si sarebbero aspettati l’Inter in testa alla classifica a pari punti. Noi dobbiamo pensare solamene a noi, perché la strada è quella giusta per toglierci delle soddisfazioni. “Vincere” è un verbo facile da pronunciare, poi serve un grandissimo sforzo per ottenere qualcosa quest’anno. Lo sappiamo e vogliamo continuare a fare qualcosa di bello per i nostri tifosi, questo è il nostro primo obiettivo.

La percentuale di vittoria dell’Inter è cresciuta da inizio stagione?
Non possiamo dirlo, non è ancora finito il girone di andata. Questa squadra piano piano sta acquistando credibilità, dobbiamo lavorare su questo dimostrando di avere stabilità. Se siamo stabili, possiamo mettere mattoncini su mattoncini per alzare il livello e guardare più in là.

C’è qualcosa di tuo che rivedi in Gattuso?
In Gattuso rivedo la grande voglia e passione, ha fatto la gavetta. Ho grande rispetto per Gattuso, che ha affrontato grandi difficoltà all’estero e in Lega PRO, non tutti lo fanno per poi dimostrare di essere da Serie A. Altri sono più fortunati. Gattuso quello che si è costruito lo ha fatto come me, con le mani sue. Sono contento di quello che sta facendo. Oggi Napoli è la risposta di quello che ha fatto con il Milan, che è stato sottovalutato. Vedendo l’annata del Milan, che ha aggiunto un buon mercato senza nulla togliere alla squadra dell’anno scorso, significa che Gattuso ha fatto un buon percorso e si è meritato Napoli. Gli auguro il meglio, ma a partire dopo Napoli-Inter (ride, ndr).

Vidal può accelerare il percorso di crescita dell’Inter?
Non mi piace parlare di altri giocatori per rispetto di giocatore, società di appartenenza e miei calciatori. Non l’ho fatto in passato e non lo faccio ora.

Per ripetere quanto fatto nella prima parte del campionato cosa deve fare l’Inter?
Sicuramente dobbiamo continuare a lavorare come stiamo facendo e abbiamo fatto finora. Inevitabile che le difficoltà incontrate nella prima parte di stagione hanno responsabilizzato tanto questo gruppo, tutti quanti sono stati chiamati in causa e si sono sentiti responsabilizzati. Sicuramente questo ci ha migliorato e ha allargato la rosa delle soluzioni, ogni calciatore ha capito che bisogna alzare l’asticella della propria persona, sia in campo sia nella mentalità. Questo è stato l’aspetto più positivo che ci ha permesso di fare 42 punti. Dobbiamo continuare su questo punto di vista. Il compito dell’allenatore è valorizzare i giocatori messi a disposizione, magari migliorandoli. Io lavoro per fare questo e c’è voglia di crescere da parte di tutti.

Cosa vedono gli altri nella tua Inter?
Non so. Noi abbiamo iniziato un percorso che richiede tempo, non ci dobbiamo far prendere da facili entusiasmo. Sappiamo che la strada intrapresa è quella giusta. Ci vorrà tempo per combattere chi oggi ha guadagnato spazio nei nostri confronti, però ciò ci deve dare entusiasmo per ridurre questo gap.

L’Inter sta diventando più appetibile per alcuni profili…
Questo fa parte di un percorso, non puoi pensare da oggi a domani di cambiare il tutto. In questi anni si è creato un gap molto importante tra chi ha vinto e chi sta inseguendo, non possiamo pensare che arrivi con la bacchetta e cambi la situazione. Ci sono degli step di crescita da parte di giocatori giovani che devono fare esperienza e prestarsi a competere per obiettivi importanti. Pian piano attraverso il lavoro e l’aiuto del club punti a migliorare la situazione per diventare più forte. C’è lavoro da fare e ci sono facili entusiasmi, che non voglio spegnere ma c’è un percorso da fare, di riffa o di raffa. Tutti vorrebbero svegliarsi e vincere, noi dobbiamo fare un percorso magari accelerando la corsa. Io devo essere onesto nel rimarcarlo e dirlo, se no non sarebbe onesto.

Asamoah è a disposizione oppure bisogna centellinarlo da qui a fine stagione?
Dal punto di vista medico è giusto che il Settore Medico risponda a domande specifiche. Dopo sei mesi abbiamo fatto una valutazione tutti insieme, la società lo sa. Io sono qui per valorizzare quello che mi è stato dato a disposizione, starà al club prendere le migliori decisioni, che comunque saranno positive.

A prescindere dal mercato, questa squadra con i tre-quattro elementi tornati a disposizione può già lottare per il titolo?
Proprio perché siamo in fase di calciomercato, da qui a fine mese potete risparmiarmi domande perché non risponderò in quanto spettano al club. In questi sei mesi abbiamo fatto le valutazioni e la società prenderà la migliore decisione per il bene del club.

Termina qui la conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia di Napoli-Inter di Serie A (vedi articolo LIVE).



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




<!--//<![CDATA[ var m3_u = (location.protocol=='https:'?'https://servedby.publy.net/ajs.php':'http://servedby.publy.net/ajs.php'); var m3_r = Math.floor(Math.random()*99999999999); if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; document.write (""); //]]>-->

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.