IntervistePrimo Piano

Conte: “Complimenti a Padelli, non avevo dubbi! Handanovic al derby…”

Conte ha parlato in conferenza al termine di Udinese-Inter, posticipo della ventiduesima giornata di Serie A disputato stasera. Queste le risposte date dall’allenatore nerazzurro ai giornalisti presenti in sala stampa alla Dacia Arena.

CONFERENZA CONTE – Questa la conferenza stampa di Antonio Conte nel post partita di Udinese-Inter.

Difficoltà per un’ora, poi la squadra è uscita bene. I cambi e la rosa allargata hanno aiutato, ma Handanovic recupererà per il derby?

Penso che per Handanovic è meglio parlare con i dottori, perché è più specifica la risposta da parte loro. Vediamo, ci sono sette giorni per recuperarlo in vista del derby. Detto questo complimenti a Padelli: si è fatto trovare pronto, ha dato sicurezza alla squadra. Sono molto contento, ma non avevo dubbi perché questo è un gruppo di calciatori costruito non solo per le qualità tecniche ma anche per quelle morali. Il fatto che oggi sia toccato a lui mi rende molto felice, perché è un ragazzo a posto che merita questo tipo di soddisfazioni.

I cambi di Conte hanno cambiato Udinese-Inter?

Mi preme sottolineare che abbiamo giocato con Bastoni vent’anni ed Esposito diciassette, questo credo sia più importante.

Con Moses e Young Inter più offensiva con i laterali?

Penso che anche l’attenzione nostra fosse sul fatto di cercare di migliorare alcune caratteristiche e specificità in alcuni ruoli. Sicuramente sui laterali dovevamo fare questo, Moses e Young sono due giocatori che conoscevo molto bene. Siamo usciti comunque a fare delle ottime operazioni, secondo me abbiamo alzato il tasso di esperienza e anche la qualità sugli esterni.

Qual è l’opinione di Conte su Eriksen? Come si inserisce assieme a Barella?

L’idea è questa, dargli comunque dei compiti in fase di possesso e non possesso. Sicuramente ho dovuto forzare un po’ l’inserimento di Eriksen, proprio per il fatto che oggi comunque, così com’era successo con la Fiorentina, avevo solamente Barella e Vecino disponibili. Lì avevo optato sul tridente con Sanchez e i due attaccanti, oggi ho fatto entrare Eriksen dall’inizio e per fortuna avevamo recuperato, anche se non era proprio al 100%, Brozovic. Però l’idea è abbastanza chiara: è inevitabile che lui entri in un’idea e in un sistema di gioco nuovi, anche se qualche volta col Tottenham di Pochettino ha giocato col nostro sistema. È un giocatore che sicuramente ha, anche lui, buona esperienza e qualità, è abituato comunque al campionato inglese che è sicuramente bello tosto.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.