FocusPrimo Piano

Conte e l’eredità per Inter e Inzaghi: la strada è tracciata

Conte non è più l’allenatore dell’Inter dal 26 maggio 2021. Al club nerazzurro non lascia solo il diciannovesimo scudetto, ma consapevolezza e una mentalità vincente che dovrà essere ripresa dal successore Simone Inzaghi. Analizziamo le sue parole a “DAZN” sottolineando l’eredità lasciata 

EREDITÀ – «Quando inizi a vincere, la vittoria deve entrarti nel cervello e deve essere tua. Sai che per vincere devi esasperare alcune situazioni. I ragazzi sono stati veramente bravi. Hanno fatto un percorso e iniziano ad essere dei vincenti». Parole di Antonio Conte ai microfoni di “DAZN” (leggi l’intervista completa). L’ormai ex tecnico nerazzurro congeda con questo messaggio i suoi fratelli minori dell’Inter. Soprattutto lascia in eredità una mentalità vincente e un gruppo che – dopo anni di delusioni e piazzamenti – ha finalmente assaporato il gusto e soprattutto la bellezza della vittoria.

LAVORO E GIOIA – Spesso si dice che “vincere aiuta a vincere” e nelle parole di Conte traspare proprio questo dogma. «La vittoria deve entrarti nel cervello. Sai che i sacrifici fatti ti portano a dei momenti di gioia totale». La sua Inter ha sofferto, ha scoperto il significato della sconfitta con i due secondi posti della passata stagione, ma ne ha tratto la forza per ricominciare e puntare a raggiungere l’obiettivo. Il progetto triennale, come dichiarato dallo stesso tecnico leccese (leggi le sue dichiarazioni a riguardo), si è interrotto al secondo anno. Il motivo? Obiettivo raggiunto prima del tempo (e non solo). I calciatori hanno capito e nel momento in cui «da cacciatori siamo diventati lepri» non hanno avuto paura dando la sterzata decisiva per la conquista del diciannovesimo.

IMPRESA – Conte ha inevitabilmente sottolineato i meriti dei suoi calciatori, i quali sono stati bravi a non farsi venire il braccino, ma soprattutto ad andare oltre i propri limiti, perché per vincere – a detta dell’ex allenatore nerazzurro – è necessario farlo e soprattutto è imprescindibile esasperare alcune situazioni. Quali siamo precisamente a noi non è dato saperlo. I giocatori dell’Inter però hanno fatto tesoro di questo (si spera) e soprattutto sono consci dell’impresa fatta nell’interrompere il regno della Juventus che durava 9 anni.

PUNTO DI PARTENZA – Conte lascia però un ultimo messaggio anche al suo successore Simone Inzaghi: «I ragazzi sono all’inizio perché molti hanno vinto per la prima volta qualcosa di importante». Ecco, lo scudetto 2020/2021 è, e soprattutto deve essere un punto di partenza, al netto di ridimensionamenti vari della rosa. Se c’è qualcosa che mancava all’inizio del percorso con Conte e ora no è proprio l’abitudine a lottare per la vittoria e l’estasi di un obiettivo vero raggiunto. Inzaghi riparta da questo. La strada è tracciata: più lunga e tortuosa del previsto, ma festeggiare dopo aver vinto è bellissimo e ora i giocatori (finalmente) lo sanno. Grazie Antonio. Buon percorso Simone…

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh