Cancelo: “Io e Spalletti col sangue caldo, attriti normali ma c’è stima”

Articolo di
14 giugno 2018, 13:32
Rafinha Cancelo Spalletti

Nel corso della lunga intervista concessa a Tuttosport Joao Cancelo ha confermato di aver avuto qualche discussione con Luciano Spalletti definendole però come assolutamente normali e causate anche dal carattere di entrambi.

SANGUE CALDO – «Spalletti non è un allenatore difensivo, gli piace una squadra che sa giocare e tenere palla. È vero che abbiamo avuto qualche attrito, ma perché tutti e due abbiamo un po’ il sangue caldo ed esplodiamo in fretta, però riconosco che ho imparato molto da Spalletti. Tra noi c’è sempre stata stima e rispetto. Dal momento che ho iniziato a giocare di più, lui mi ha dato una libertà incredibile e ho capito che si fidava di me. L’importante è stato non desistere mai. Attriti per questioni tattiche? Sì, ma non solo. C’erano situazioni in cui non ero d’accordo con lui. È normale, il giocatore non dev’essere prigioniero, né stare sempre zitto. Il calciatore non sa tutto, ma neppure l’allenatore, quindi è giusto un sano confronto. Ognuno può esprimere la sua opinione, ma non è successo niente di grave. Cose normali di spogliatoio».