Primo Piano

Asllani: «Inter, vorrei lo scudetto! Ammiravo Brozovic. Inzaghi sa una cosa»

Asllani ha rilasciato un’intervista ai microfoni di DAZN. Il neo centrocampista dell’Inter parla dei suoi primi giorni in nerazzurro, dell’ammirazione per Brozovic e Lukaku, della scelta del numero 14 e tanto altro. Poi un desiderio

PRIMI GIORNI – Kristjan Asllani parla dei suoi primi giorni all’Inter: «Sono stati giorni bellissimi, sta andando molto bene. È da qualche giorno che siamo qui tutti insieme, abbiamo fatto già due amichevoli e sono molto contento. I ragazzi mi hanno accolto benissimo e sono contento. Cosa mi ha colpito? Forse il centro perché non sono abituato a un centro così grosso e i ragazzi che prima guardavo in televisione e ora ci gioco insieme. Cuoco? Tanta roba. Chi è stato quello che mi ha guidato di più? Sicuramente D’Ambrosio più di tutti, ma anche Darmian, Handanovic. Tutti. Il primo insegnamento che danno è quello di rimanere umili sempre. Se mi hanno chiesto di fare qualcosa come nuovo arrivato? Per ora no, ma sono già in ansia per questo. Se mi chiedono di cantare? Eh, devo farlo».

PRIMO INCONTRO – Asllani prosegue parlando del primo incontro con Romelu Lukaku: «Le visite mediche insieme a Lukaku? Era la prima volta che lo incontravo, abbiamo parlato per mezz’ora, anche lui mi sta dando una grossa mano e sono contento. Ha detto che parla come un ventisettenne? Me lo dicono tutti, però sono contento di aver dato questa impressione anche a un giocatore come lui. Ora sono focalizzato solo sull’Inter, appena ho avuto la richiesta ho accettato subito».

RUOLO E MODELLO – Asllani sa di poter imparare molto da Marcelo Brozovic: «La miglior qualità di Brozovic? Con la palla al piede è fortissimo. L’ho ammirato la scorsa stagione e non posso che imparare da uno come lui. Sono contento di avere uno così davanti, posso imparare tantissimo da lui. Inzaghi? Non mi ha ancora detto nulla sul ruolo, sono disposto a giocare in ogni ruolo e il mister lo sa. A Empoli ho fatto il play davanti alla difesa ma posso ricoprire tutti i ruoli. Fisicamente sto molto bene, ho fatto tutte queste partite con l’Empoli da febbraio e devo ringraziare Andreazzoli e il presidente Corsi chi mi hanno dato l’opportunità di giocare».

NUMERO – Per finire Asllani parla del suo tempo libero e svela il motivo che si nasconde dietro la scelta del numero 14: «Cosa faccio nel tempo libero? Mi godo la famiglia. Hobby? Ascolto la musica, niente Fantacalcio. Soddisfatto a fine stagione se? Non so, l’importante è portare qualcosa a casa, vorrei vincere lo scudetto sinceramente. Numero 14? Era di Perisic, mi ha anche scritto e mi ha fatto piacere. Il numero l’ho scelto anche perché è nato mio fratello. Il mio rapporto con le critiche? Sono uno molto sereno, non ho tante pressioni. Sono molto critico con me stesso, riguardo sempre le partite e cerco di capire dove posso migliorare. La firma con l’Inter? All’inizio non ci credevo ma quando ho firmato è stata un’emozione bellissima sia per me che per la mia famiglia».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock