Antonello a MP: “Dobbiamo vincere per ripartire”

Articolo di
3 febbraio 2018, 20:30
Antonello

Tra pochi minuti l’Inter scenderà in campo al Giuseppe Meazza contro il Crotone. L’obiettivo è tornare alla vittoria che manca da ormai due mesi. Eccezionalmente ai microfoni di Mediaset Premium non si è presentato come di consueto il direttore sportivo Piero Ausilio, ma l’amministratore delegato Alessandro Antonello

PASTORE- “Inizierei dallo striscione. Sappiamo che veniamo da due mesi di difficoltà e da qui dobbiamo uscire, con determinazione, mettendo in campo la forza e l’energia della prima parte di stagione. Abbiamo professionisti e calciatori con qualità, siamo convinti che possono affrontare la situazione, abbiamo un mister e uno staff determinati per l’obiettivo Champions. Il mercato è chiuso, Pastore non è mai stato un obiettivo, bisogna pensare alla partita che è fondamentale, una vittoria aumenterebbe il morale e ripartirebbe il percorso che ci porta all’obiettivo della Champions”.

LE VOCI SU ICARDI- “Il mercato si è appena chiuso e già pensiamo alle prossime mosse, intanto Mauro è il Capitano, un giocatore fondamentale, quindi l’augurio è che possa avere una seconda parte di stagione come la prima, che sia una pedina fondamentale. Se necessario ci siederemo, ma in questo momento dobbiamo restare concentrati sulla partita e sui prossimi obiettivi. Non dobbiamo parlare dei singoli, ma della squadra, è importante che la squadra torni a fare quelle prestazioni di successo viste nella prima parte della stagione”.

ICARDI CON RAIOLA?- “Non importa chi c’è di fronte, l’importante è lavorare per il bene dell’Inter, è l’unica cosa che ci interessa. Tutti lavoriamo per il bene dell’Inter e vogliamo ripagare quello che i tifosi ci stanno riconoscendo, dobbiamo pensare solo a questo, lavorare e raggiungere i nostri obiettivi”.

L’ASSENZA DI AUSILIO- “Sono qua io a rappresentare la società, stiamo tutti bene (ride ndr), il nostro lavoro continua giorno per giorno andando alla ricerca di talenti in tutto il mondo. Stiamo lavorando e vedremo”.

LA RIMONTA DEL MILAN?- “Non si deve mai avere paura, chi ha paura fallisce. Noi dobbiamo pensare al nostro percorso, gli avversari vanno affrontati con cattiveria agonistica e bisogna batterli”.







ALTRE NOTIZIE