Nazionali

Lautaro Martinez: “Rigore? Conta che vinca l’Argentina! Con Paredes…”

Lautaro Martinez ha giocato il primo tempo dell’amichevole Ecuador-Argentina 1-6 (vedi articolo), prima di essere sostituito all’intervallo. L’attaccante dell’Inter ha rilasciato un’intervista a TyC Sports e ha spiegato l’episodio del rigore che lui voleva battere, ma alla fine è stato dato a Paredes.

NESSUN PROBLEMALautaro Martinez non fa polemica al termine di Ecuador-Argentina e traccia un bilancio di questa sosta per le nazionali: «È positivo. Ci prendiamo il secondo tempo contro la Germania e questa partita. Abbiamo lavorato, sapevamo di affrontare un avversario sudamericano e una nazionale che sfideremo nelle eliminatorie. Necessitavamo fare le cose bene: credo che ci siamo riusciti, il risultato è largo ma ci sono delle cose positive da rimarcare e questo è importante. Il rigore? È chiaro, ovviamente arrivavo dalla scorsa partita dove avevo avuto situazioni e non avevo segnato, è normale. Non sapevo fosse rigore, quando l’ho visto volevo batterlo per segnare. Sapevo che anche Leandro Paredes era andato in gol nel precedente, ma è una situazione normale in una partita. Poi per il resto sono contento che l’Argentina abbia vinto, è questa la cosa più importante. Si decide lì chi battere: io volevo farlo per segnare e aiutare la squadra a fare un gol in più. Poi c’è stato l’ordine del commissario tecnico, ha segnato lui e sono contento, è una cosa che rimane in campo».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.