NazionaliPrimo Piano

Inter costretta a ‘tifare’ Argentina: 2022 meno duro se va subito ai Mondiali

L’Argentina giocherà martedì notte (mezzanotte e trenta di mercoledì in Italia) contro il Brasile. La partita riguarda direttamente l’Inter, perché la Seleccion ha una possibilità di qualificarsi subito ai Mondiali e questo sarebbe un vantaggio soprattutto per far riposare Lautaro Martinez.

MAGGIORE RIPOSO? – Siamo a età di una, al solito, pesante sosta per le nazionali. Come al solito di allarmi ce ne sono tanti, purtroppo ieri è arrivato l’infortunio di Stefan de Vrij. Quello che in pochi hanno realizzato è che, rispetto agli altri anni, in questa stagione ce ne sarà una in più: tra fine gennaio e inizio febbraio. Con l’Inter che vedrà presumibilmente partire per il Sud America i suoi cinque giocatori. Per far sì che a Joaquin Correa e (soprattutto) Lautaro Martinez sia dato un po’ di riposo c’è da sperare una cosa: che l’Argentina si qualifichi ai Mondiali martedì notte, quando ospiterà a San Juan il Brasile.

LA SPERANZA – Il CT Lionel Scaloni già da questa sosta ha portato un gruppo allargato, per far fare esperienza e avere maggiori opzioni, ma in Uruguay-Argentina hanno giocato i big (vedi articolo). Sarà così anche martedì notte, con Lautaro Martinez di fatto certo di un posto dal 1’ nonostante il momento no. Col Brasile già qualificato la Seleccion può sperare di staccare il biglietto per il Qatar subito. Per farlo serve che vinca e che perdano Uruguay (in Bolivia), Cile (in casa con l’Ecuador) e Colombia (ospita il Paraguay). In aggiunta il Perù dovrebbe battere il Venezuela ultimo in classifica. Di combinazioni ce ne sono diverse, ma non così impossibili. In tal caso la sosta di fine gennaio e inizio febbraio (e quella di marzo) per l’Argentina sarebbe ininfluente e potrebbe fare più esperimenti. Con l’Inter che magari stavolta riuscirebbe a tenere a Milano Correa e Lautaro Martinez…

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button