Mondo Inter

Zenga: «Juventus-Inter? Avrei voluto sentire Calvarese! Conte meglio resti»

Zenga è intervenuto in collegamento nel corso della trasmissione di Rai 2 “La Domenica Sportiva”. In relazione a Juventus-Inter l’allenatore, bandiera nerazzurra, critica Calvarese per l’arbitraggio. Poi parla anche di Conte.

SUCCESSO COMPLETOWalter Zenga esordisce con una battuta sullo scudetto dell’Inter: «L’avevo detto un mese fa, ma era evidente che l’Inter avrebbe vinto il campionato. Antonio Conte resta? Perché lo chiedi a me (ride, ndr). Non lo so, si siederanno e metteranno sicuramente le cose a posto, come le hanno messe l’anno scorso. Penso che per il bene dell’Inter è meglio che continui, poi sono cose più grandi di noi. José Mourinho? È un valore aggiunto per il campionato, sono contento torni in Italia».

GESTIONE – Zenga si sposta sulla partita contro la Juventus: «Il primo tempo dell’Inter, visto in televisione, non era stato un gran primo tempo, avevamo fatto poco. Nel secondo tempo, in undici contro dieci, abbiamo avuto il predominio territoriale, ma non abbiamo creato tantissimo. Al di là di questo gli episodi sono abbastanza evidenti. Ma, quando ci sono tutti questi episodi e scontentano tutte e due le squadre, vuol dire che ci sarebbe da analizzare bene l’avversario. Lo dico da tempo: mi piacerebbe sentire cosa si dicono andando al VAR. Ci sono dei rigori o delle espulsioni… In questa partita è successo tutto e il contrario di tutto per l’anti-calcio».

ARBITRAGGIO CONTESTATO – Zenga commenta la moviola di Juventus-Inter e fa un appello: «Sono a favore del VAR. La cosa che dovrebbe far pensare tutti quanti è che, per esempio, un allenatore non può avvicinarsi per vedere il monitor. A fine partita, però, dovrebbe commentare quello che è successo. Mentre un arbitro, che deve guidare al monitor, a fine partita non può commentare quello che decide. Io ho allenato in Italia col VAR, a Cagliari, e trovo assurdo che l’unica persona che non può assolutamente avere la percezione di quello che stanno facendo è l’allenatore».

IL MOTIVO – Zenga spiega perché sarebbe meglio essere più limpidi: «Da allenatore non puoi muoverti, non puoi avvicinarti al VAR e non puoi far niente. I tifosi, quando c’erano, e i dirigenti guardano il telefonino e dicono cos’è successo. Non dico che bisogna aprire un dibattito in campo, ma nemmeno che io allenatore devo parlare di un episodio magari determinante e un arbitro no, che può sbagliare. Vorrei sapere da Gianpaolo Calvarese cosa si sono detti: mi piacerebbe sapere cosa si sono detti arbitro e VAR nel post partita, per capire. Al VAR non riesci a stabilire l’entità del tocco, della spinta o della trattenuta sulla maglia. Il VAR non può determinare se io tiro la maglia, ti lascio e tu cadi».

DECISIONI STRANE – Zenga entra nel merito degli orrori di Calvarese: «Anche nel primo rigore mi deve spiegare il VAR se stabilisce che la trattenuta di Matteo Darmian è più forte del tutto di Giorgio Chiellini. Questi sono due rigori che sono solo televisivi, non di calcio. Anche tralasciando che siano Juventus e Inter. È una storia infinita, ma quando c’è una direzione di gara che scontenta tutti, con la ciliegina finale di quel rigore che non esiste, è ovvio che un arbitraggio che va contro gli interessi di tutti determina tante discussioni. Abbiamo visto che non ne ha azzeccata una».

IL RECORD – In Juventus-Inter Samir Handanovic ha raggiunto Zenga come presenze in Serie A con la maglia nerazzurra, 328. Questo il suo commento: «È arrivato a fare le mie stesse presenze. I record sono fatti per essere battuti, ricordiamoci che lui gioca in un periodo dove ci sono i gruppi di Champions League ed Europa League, con venti squadre a campionato. Noi avevamo i tabelloni in coppa e meno squadre, quindi avevamo meno possibilità di giocare».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh