Zenga: “Conte si arrabbi di meno e stia sereno. Crescita Inter…”

Articolo di
8 novembre 2019, 07:34
Zenga
Condividi questo articolo

Walter Zenga è stato l’ospite d’onore di “Terzo Tempo Europa” su Sky Sport. L’ex portiere dell’Inter, ora allenatore, si è ovviamente soffermato sulle parole di Antonio Conte dopo il match di mercoledì sera contro il Borussia Dortmund.

LACUNEWalter Zenga commenta le parole di Antonio Conte: «Quando ascolto gli altri allenatori fare le conferenze stampa e dire le cose non giudico quello che dicono, cerco di capire quello che vogliono dire. C’è stato un passaggio importante in quello che ha detto lui: dice che è stata fatta una programmazione e non è stata rispettata. Probabilmente la sua insoddisfazione va in quella direzione. A mio avviso, visto che l’Inter è in Champions League e sta facendo un ottimo campionato, avendo fatto una buonissima impressione a Barcellona e nel primo tempo a Dortmund, contro due squadre con giocatori abituati ad avere esperienza in Champions League, magari se queste cose le avesse dette in maniera diversa e più dettagliatamente al chiuso avrebbe fatto un pochino meglio. Non sto criticando l’allenatore Conte, non sono nessuno per dire questo, cercavo solo di analizzare quello che ha detto e perché».

ACQUISTI RICEVUTI – Secondo Zenga il mercato avrebbe aiutato in estate: «L’Inter ha preso Romelu Lukaku, Nicolò Barella, Stefano Sensi e Diego Godin, ha preso un allenatore importante come Conte e l’esperienza della Champions League è fortemente importante rispetto ai nomi dei giocatori. Più presenze hai ed è logico che fai meglio, anche in questo non è uno sfogo così positivo per tutti. Voglio dire: analizzando bene è chiaro che se hai giocatori con poca esperienza devi farli crescere. Come? Ogni tanto prendi bastonate, ci sta che devi giustificare. È strano che per una sconfitta vengano fuori tutti questi problemi, perché adesso la società deve dire qualcosa».

LA RIUSCITA – Zenga chiude spiegando come, a suo avviso, la stagione dell’Inter sarebbe positiva: «La crescita di una squadra non può essere esponenziale in un nanosecondo, ci sarà magari un innesto a gennaio e in estate se ne aggiungeranno altri. Ci sarà una programmazione, io non mi aspetto che quest’anno l’Inter vinca lo scudetto o la Champions League. Mi aspetto di vedere una squadra che cresce, con un allenatore bravo che prende le squadre e le rende competitive. Conte deve arrabbiarsi di meno e stare più sereno, perché ha il supporto di tutti. Se dovesse andare fuori dalla Champions League, che quest’anno ci può anche stare, può lavorare di più sulla crescita di tutti».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE