Mondo Inter

Zenga: «Calhanoglu trasformato da Inzaghi! Inter, si decide al rientro»

Calhanoglu nell’ultimo mese è costantemente fra i migliori giocatori dell’Inter, dopo un inizio difficile. L’ex portiere e capitano nerazzurro Zenga, in collegamento per Tiki Taka su Italia 1, dà a Inzaghi i meriti per il turco.

MIGLIORATIWalter Zenga torna sul sorteggio farsa: «Sia Ajax sia Liverpool hanno vinto tutte le partite del girone di Champions League. Non c’è più il gol in trasferta, ogni allenatore prepara le partite per vincere: Simone Inzaghi preparerà la partita pensando che i suoi siano più forti, se la giocherà. Se l’Inter andrà avanti avrà fatto una grandissima cosa. Peppino Prisco? Ci ho fatto tanti anni all’Inter. Ha sempre avuto la battuta pronta, sempre, non c’era mai una volta che dicesse una battuta fuori posto: era sempre spettacolare. Antonio Conte ha ricostruito l’Inter e l’ha riportata allo scudetto, Inzaghi ci ha messo del suo. Si è detto di Achraf Hakimi e Romelu Lukaku, ma l’Inter aveva perso anche un giocatore straordinario come Christian Eriksen: a volte le idee servono più di qualsiasi altra cosa, perché Hakan Calhanoglu era libero e Inzaghi l’ha trasformato in un giocatore perfetto per il suo gioco».

IL CALENDARIO – Zenga rimanda il discorso a gennaio: «L’Inter in questo momento sta giocando benissimo, è meritatamente in testa. Una squadra che ha vinto il campionato acquista autostima e consapevolezza. Se guardiamo il calendario fra gennaio e febbraio dell’Inter scopriamo che lì si deciderà tutto: quando riprenderà il campionato avrà la Lazio, la Juventus in Supercoppa Italiana e l’Atalanta, poi il derby a febbraio e il Napoli prima del Liverpool. In mezzo ci sarebbe anche la Coppa Italia, è un periodo molto fitto e si deciderà tutto. A mio modo di vedere la stagione dell’Inter è condensata dal 6 gennaio al ritorno di Champions League, dove ci sono tutte partite importanti».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button