Zaccheroni: “Inter potente, ma la velocità? Tatticamente ho un dubbio”

Articolo di
15 agosto 2019, 10:41
Zaccheroni
Condividi questo articolo

“Tuttosport” ha intervistato Alberto Zaccheroni. L’ex tecnico anche dell’Inter ha parlato delle sue impressioni sulla squadra di Conte, esprimendo un dubbio.

CALCIO ESTIVO – «Le amichevoli estive servono solo agli allenatori per iniziare a capire le caratteristiche dei giocatori, ma non danno indicazioni valide all’esterno. Quindi bisognerà aspettare i primi impegni ufficiali per esprimere un giudizio valido. Se è presto per dire che l’Inter lancia la sfida alla Juventus? Sì, il calcio estivo è aria fritta. Ma di sicuro l’Inter si sta attrezzando per farlo. Ha allargato i cordoni della borsa. Vuole dare fastidio alla Juventus».

TIFOSO INTER – «Sono stato tifoso dell’Inter fino a 16 anni. Poi ho fatto il tifo per le squadre dove ho giocato e allenato. E quando non alleno faccio il tifo per le squadre che puntano sui giovani».

IMPREVEDIBILITA’ CERCASI – «L’Inter mi sembra un cantiere ancora aperto. Se arriverà Dzeko i gol davanti non mancheranno. Ma a quel punto il problema diventerà la velocità necessaria a innescare Dzeko e Lukaku che giocano sulla fisicità più che sulla rapidità. Non credo che i laterali a tutta fascia saranno costantemente in attacco, quindi l’imprevedibilità dovrà essere garantita dagli inserimenti delle mezzali come Sensi e Barella».

DUBBIO TATTICO – «In fase di non possesso cosa succede se gli avversari con un lancio lungo scavalcano i due esterni? Chi dei tre centrali va a chiudere sulla fascia? Mi spiego meglio: Godin, de Vrij e Skriniar sono tre centrali puri. Nessuno di loro ha caratteristiche da esterno difensivo. E D’Ambrosio è un esterno, ma più di spinta. Non è un marcatore. Secondo la mia lettura della difesa a tre, deve esserci almeno un terzino capace di uscire largo nell’uno contro uno con l’avversario defilato. Nella Juventus di Conte, ad esempio, c’era Chiellini che è nato terzino sinistro. Ma Conte è bravissimo e quindi sa benissimo come impostare il reparto. Per me è l’allenatore italiano più bravo a “catturare” i giocatori e ottenere il meglio da loro».

POLITANO UTILE«Con il 3-5-2 Politano può fare solo la seconda punta. Insieme a Sensi è il calciatore più adatto a portare imprevedibilità al gioco nerazzurro. Ma bisogna vedere quali soluzioni troverà Conte. L’applicazione di un modulo non è mai dogmatica. Ha tanti correttivi: puoi bloccare maggiormente la squadra da una parte e attaccare di più dall’altra».

INTER POTENTE – «Lukaku ha qualità importanti. Ma a prescindere dai singoli io non ho mai giocato con due centravanti, come potrebbe succedere a questa Inter con Lukaku e Dzeko. Può essere un grande problema per le difese avversarie limitare due bomber così potenti, ma bisogna riuscire a portare velocemente il pallone in avanti. Questa Inter ha tanti centimetri. Ma non so se ha abbastanza velocità. Si parla sempre di tecnica dei giocatori. Ma bisogna analizzare anche il rapporto tra struttura e velocità. L’Inter ha sicuramente struttura. Bisogna vedere se ha anche velocità».

Fonte: Stefano Scacchi – Tuttosport


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE