Vrsaljko: “Ecco i miei tempi di recupero! Sono ancora dell’Inter, ma…”

Articolo di
18 febbraio 2019, 13:56
Vrsaljko

Sime Vrsaljko – difensore dell’Inter in prestito dall’Atletico Madrid -, intervistato dal portale croato Sportske, spiega la sua situazione dopo l’intervento chirurgico che lo costringerà a stare fermo per tutto il 2019, complicando il riscatto nerazzurro

LUNGO STOP – Stagione finita per Sime Vrsaljko, ma anche anno solare compromesso: «Sono forte e felice, finalmente mi sono liberato! Va tutto bene, questa è la cosa più importante che ho da dire adesso. Ho ringraziato il dottor Koen Lagae per l’impegno preso: è un grande esperto, spero che lavori davvero bene perché è il numero uno al mondo. All’operazione ha partecipato anche il dottor José Maria Villalon dell’Atletico Madrid. Torno a casa, a Zadar, naturalmente: qui passerò due mesi nella prima fase della riabilitazione e lavorerò con Mark Damjanovic, poi vado in Belgio per la seconda fase di recupero. Non è un mistero, il recupero durerà dagli otto ai dieci mesi. Questo è normale per l’intervento chirurgico che ho subito e, ripeto, la cosa più importante è che sia andato benissimo. Tutti noi, a partire dal medico che mi ha operato, siamo molto contenti. Tutti i problemi sono iniziati con questo infortunio al ginocchio, cioè il legamento crociato posteriore. Ora mi hanno ricostruito il legamento e mi hanno fatto la cosiddetta “pulizia” della cartilagine. Non dovrei essere di ottimo umore, ma sto sorridendo e sono felice perché so che non ho più dolore e nessun altro problema come ho sofferto per due anni. Non è stato invano, quindi sono felice e positivo».

FUTURO IN BILICO – Il riscatto da parte dell’Inter è tutt’altro che scontato, anzi, al momento sembra utopia e anche Vrsaljko lo fa capire: «Tornerò solo quando sarò pronto al 100%. Vediamo come passa il tempo in modo da poter capire meglio il corso della riabilitazione. Ciò che è sicuro è che non tornerò in campo finché non sarò pronto al 100%! Dopo tutti i problemi che ho avuto e la brutta sensazione che non si può rinunciare completamente a giocatore e lavorare, la mia priorità è quella di essere al massimo della forma e pronto a tornare per battaglie più grandi quando tornerò. Non avrò fretta, non c’è questa possibilità. Sono ancora un giocatore dell’Inter, il 30 giugno scade il prestito concordato, e poi ho firmato un contratto con l’Atletico per altri tre anni e mezzo. Ma ora non sto pensando a queste cose. Sono concentrato sulla riabilitazione e la cosa più importante è che devo recuperare il più possibile. E tornerò più forte!».

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE