Valenti: “L’Inter non ha gioco! Dura pronunciare João Mário”

Articolo di
8 gennaio 2018, 00:56
Giacomo Valenti

Giacomo Valenti è intervenuto in collegamento con “Radio Sportiva” ed è stato tutt’altro che tenero nei confronti dell’Inter per il rendimento dell’ultimo mese. Il noto tifoso nerazzurro se l’è presa con l’incapacità di creare gioco contro determinati avversari e in particolare con João Mário.

LA VERITÀ VIENE A GALLA«Momento negativo perché l’Inter fa molta fatica a creare gioco, questa è una cosa che si è vista in maniera precisissima con la Lazio. L’Inter ha fatto un bellissimo girone d’andata perché è riuscita a ottimizzare gli errori degli avversari e andare in porta, poi quando c’è da creare gioco e il livello della squadra avversaria risulta essere superiore, o quando prendono le contromisure, l’Inter non ha assolutamente un gioco, al di là dei buchi nella formazione che Luciano Spalletti ha nuovamente ribadito. Probabilmente non sa neanche lui se è per il fair play finanziario o per il partito comunista cinese, ciò non toglie che ha messo giustamente le mani avanti dicendo di non essere un cretino. È dura poter pensare ancora di pronunciare il nome João Mário dopo quello che si è visto nell’ultima parte del girone d’andata, probabilmente tutti quanti abbiamo abboccato dopo aver visto un ottimo Europeo ma poi non ha fatto niente di simile. Il concetto base è che adesso mancano gli uomini, per anni ci hanno preso in giro dicendo che servivano miglioramenti, ossia prendere un giocatore più forte di un altro. Piero Ausilio dice che non si può correggere una squadra perfetta, penso che se uno dice questo debba prendersi carico delle proprie responsabilità. Non possiamo dire che sia una squadra impossibile da migliorare perché ci sono dei buchi clamorosi, Spalletti l’ha detto in maniera molto chiara e precisa».







ALTRE NOTIZIE