Mondo Inter

Uefa a caccia di risposte: c’è una data cerchiata in rosso – Sky

La Uefa è a caccia di soluzioni con le altre leghe europee per pianificare la ripresa del calcio attualmente fermo per l’emergenza sanitaria in atto. Il 23 aprile si dovrebbe sapere qualcosa di più concreto, il punto di Alessandro Alciato per Sky Sport

UNA DATA – Il 23 aprile si riunirà il Comitato Esecutivo da cui dovrebbero uscire delle ipotesi più concrete: «C’è una data cerchiata di rosso sul calendario, il 23 aprile, quando si riunirà il Comitato Esecutivo della Uefa. Ci sono sul tavolo gli spostamenti dell’Europeo Under 21 e di quello femminile, ma si parlerà tanto della possibile ripartenza e potrebbe arrivare una decisione definitiva a proposito del come si può iniziare, nel momento in cui si dovesse iniziare. Sono ancora vive le due ipotesi di una ripartenza a blocchi, con prima i campionati e poi le coppe, oppure di giocare in contemporanea. Tutte le leghe europee stanno tifando perché possa esserci una ripresa a blocchi con prima il campionato e poi le coppe, ma il 23 si avrà un’idea più chiara e si potranno fare ipotesi un pochino più attinenti alla realtà. Le ipotesi le stanno facendo anche in Lega Serie A e si aspetta una risposta definitiva su quando potranno ricominciare gli allenamenti. Al momento l’ipotesi è il 4 maggio, ma non c’è una risposta definitiva del Governo perché non si sa se verrà prolungato il lockdown. Nel giro di 4 settimane circa dalla ripresa degli allenamenti potrà ripartire anche il campionato, prima la Coppa Italia, poi il recupero delle partite rinviate e da lì si riparte col calendario normale. Manca sempre il punto fondamentale di quando si ripartirà effettivamente».

I PROTOCOLLI IN ITALIA – In Italia si stanno elaborando dei protocolli per ripartire in sicurezza: «Quello di cui stiamo parlando è stato ufficializzato per la prima parte, ma non è definitivo. Si lavorerà alle parti successive, soprattutto per la gestione del ritiro. In questo momento si è parlato di come arrivare al ritiro, dei test da effettuare, come i giocatori dovranno essere controllati, ma cosa bisognerà fare con i giocatori in ritiro? Come ci si deve controllare? Come devono essere impiegate le diverse strutture? Questo è in corso di studio e verrà data una risposta nelle prossime ore. Tra lunedì e martedì il protocollo definitivo verrà presentato ai ministri dello sport e della salute perché l’ok dovrà arrivare dalla politica. Si prova a essere pronti per partire al 100% nel momento in cui dovesse arrivare l’ok dalla politica. Al momento è stato studiato solo l’elenco delle cose che dovranno fare i giocatori per arrivare controllati nel momento in cui entreranno nei ritiri».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.