Mondo Inter

Tardelli: “Serie A a porte chiuse? Non salverà niente! Spero in un’idea”

Tardelli attacca. Secondo l’ex centrocampista e allenatore dell’Inter, collegato con “La Domenica Sportiva” su Rai 2, giocare la Serie A a porte chiuse non eviterebbe certo il rischio di contagi da Coronavirus. Per lui è necessario trovare delle idee concrete per ripartire.

RIPRESA COMPLICATA – Così Marco Tardelli sulla Serie A: «Sicuramente le porte chiuse non salveranno niente. Bisogna stare attenti a questa cosa: se qualcuno dovesse ammalarsi sarebbe molto difficile. Prima di ricominciare bisogna mettersi d’accordo, ma come fanno le società? C’è una parte che vuole finire il campionato e un’altra che non vuole. È molto difficile questa cosa, credo che la scienza debba essere la prima a dire di ricominciare. Io non ho ancora visto delle proposte su come ricominciare, l’unica che mi sembra si possa cavalcare è quella di Gianni Infantino dell’anno solare, in modo da mettersi in linea coi Mondiali del 2022. Tutti vogliamo che il calcio riinizi, ma deve riiniziare in sicurezza: non è una fabbrica, dove ci sono vari spazi e si possono stare più attenti. Nel calcio c’è contatto, c’è sudore, ci sono persone che andranno fuori dallo stadio anche a porte chiuse, come a Parigi (per PSG-Borussia Dortmund, ndr). Io mi auguro che qualcuno si illumini e trovi un’idea fantastica».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.