Mondo Inter

Tacchinardi: “Inter, Icardi non leader e Spalletti scelga! Se arriva Conte…”

Alessio Tacchinardi – ex centrocampista della Juventus ed ex allenatore del Lecco -, ospite negli studi di “Speciale – Sport Mediaset” su Italia 1, evidenzia tutte le cose che non funzionano all’Inter, puntando il dito addirittura contro Icardi nel ruolo di capitano e consigliando Conte in panchina

ERRORI STAGIONALI – Per Alessio Tacchinardi le colpe sono multiple: «Ci sono delle responsabilità, l’Inter fa sempre più fatica a fare bene le cose e nei momenti di difficoltà non ci sono giocatori che riescono a tirare fuori la squadra dalla situazione delicata. Luciano Spalletti sta facendo fatica sia nel modulo sia nell’identità: la squadra sta andando piano, contro il Torino è arrivata una brutta sconfitta e la sensazione dei giocatori è negativa. Radja Nainggolan è l’esempio chiave: l’ha preso per fare la differenza, invece nel momento di difficoltà la squadra crolla ancora. All’Inter non possono non capire la qualità che ha Nicolò Zaniolo: un conto è vederlo in una partita con la Primavera, un altro conto è se lo vedi allenarsi tutti i giorni con la Prima Squadra, già si vedeva che era un fenomeno… L’operazione Nainggolan-Zaniolo è stato un errore».

CONTE PERFETTO – Tacchinardi consiglia l’allenatore ideale per correggere i problemi caratteriali dell’Inter: «Sicuramente Antonio Conte è un allenatore adatto a un ambiente come quello dell’Inter ora, ma per sapere esattamente i problemi bisogna vivere lo spogliatoio nerazzurro: non è possibile si sgretoli alla prima difficoltà! L’Inter ha giocatori importanti, ma nessuno riesce a prenderla per mano, né Mauro IcardiIvan Perisic o il già citato Nainggolan. Conte è un allenatore che può essere il leader di questa squadra».

ICARDI ANTI-LEADER – La bocciatura di Tacchinardi non è solo in panchina, anzi: «Perisic quest’anno ha fatto male, ma quando è centrato con la testa è un super giocatore che fa la differenza, mentre né Rodrigo de PaulYannick Ferreira Carrasco mi entusiasmano. Spalletti ora deve decidere se giocare con Lautaro Martinez e Icardi insieme: prenda in mano la squadra e cambi il modulo, il 4-2-3-1 non sta rendendo! Icardi è sempre là da solo, deve trovargli uno vicino per riempire l’area di rigore. Spalletti è un grande allenatore, deve trovare la chiave giusta per far uscire l’Inter da questa situazione. Icardi non mi piace e mi dispiace perché non prende in mano la squadra come atteggiamento: è fortissimo, ma è un leader silenzioso e l’Inter ha bisogno di una guida, perché a livello caratteriale non riesce a prendersi sulle spalle questa squadra».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh