Spalletti ora che fai con Lautaro? Il Toro si è preso il posto – GdS

Articolo di
22 marzo 2019, 10:04
Lautaro Martinez Inter-Benevento

La “Gazzetta dello Sport” sottolinea il nuovo status di Lautaro Martinez. Il giovane attaccante si è preso il posto da titolare e ora scegliere di toglierlo per far tornare Mauro Icardi non è semplice.

ORMAI TITOLARE – I tori si scansano? Non esat­tamente: corrono, carica­no, incornano, ma non so­no soliti scansarsi. Anzi, di soli­to fanno sì che siano gli altri, a doversi trovare nuovi posti o traiettorie. Il Toro interista non dovrebbe fare eccezione: quan­do era «chiuso» dietro a Icardi scalpitava, una volta liberato si è scatenato. Ora Lautaro si è in­stallato lì, al centro dell’arena. Muoverlo sarà difficile: ma co­sa succede col ritorno di Icardi?

NESSUN CAMBIO IMMEDIATO – Il problema, nel­ l’immediato, non si pone: per Inter-­Lazio, di domenica 31 marzo, dovremmo essere anco­ra nella fase di «ricondiziona­mento» di Mauro. Lautaro rien­trerà ad Appiano mercoledì, dopo l’amichevole in Marocco con l’Argentina, e avrà quindi tempo per prepararsi per lo spareggio Champions. Sarà lui il titolare, con il numero 9 che tornerà invece fra i convocati e, almeno inizialmente, in pan­china.

SCELTA FUTURA – Subito dopo, però, arriveranno i problemi per Spallet­ti: restituire il posto al centra­ vanti titolare, cancellando i progressi del sostituto? O man­tenere il «figliol prodigo» nello scomodo ruolo di riserva, solu­zione francamente nemmeno ipotizzabile solo un paio di me­ si fa? Il calendario, con l’ultimo turno infrasettimanale a Geno­va prima di una gara casalinga con l’Atalanta, potrebbe venire in soccorso, suggerendo un’al­ternanza.

CALENDARIO CHE NON AIUTA – La diffida del Toro in A potrebbe portare a scelte ob­bligate, ma poi, nelle ultime 7 giornate di campionato si gio­cherà una volta la settimana. Il tecnico dovrà fare una scelta «definitiva» e stabilire delle ge­rarchie. Non sarà facile, perché Lautaro, tre gol e un assist da quando il predecessore si è fer­mato, può legittimamente pen­sare di essersi meritato la con­ferma. E perché gli «esperimen­ti» di coesistenza dei due non hanno mai davvero convinto, e i big match della volata finale non sembrano il momento giu­sto per cercare equilibri.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE