Spalletti e l’Inter-saracinesca: Skriniar, De Vrij e Miranda vs il Barça- GdS

Articolo di
6 novembre 2018, 08:38
Milan Skriniar Inter-Benevento

La “Gazzetta dello Sport” parla del confronto tra il miglior attacco d’Europa e la migliore difesa d’Italia. I big di Valverde sfidano la saracinesca dell’Inter composta da Skriniar, De Vrij e Miranda. Ecco perché la retroguardia di Spalletti reggerà.

ATTACCO TOP VS SARACINESCA INTER– Il Barcellona di Ernesto Valverde vanta il miglior attacco della Champions League, con 10 gol segnati nelle prime 3 giornate del torneo. 31, invece, sono le reti segnate dai blaugrana nella Liga. Numeri da capogiro, che impensierirebbero qualunque difesa, anche quella dell’Inter. Nonostante la difesa nerazzurra sia la migliore della Serie A. Se è vero che l’Inter ha subito solo 6 gol nell 11 giornate di campionato giocate finora, gran parte del merito va dato al trio Milan SkriniarStefan De VrijJoao Miranda. La “saracinesca nerazzurra”, in Europa, sta dietro solo a quella del Manchester City (4 gol subiti) e  del Liverpool (a quota 5).

DIFESA FORMATO EUROPA?-La tendenza a difendere egregiamente, non è un caso per gli uomini di Luciano Spalletti. A confermarlo, infatti, ci sono i 7 clean sheets (partite senza subire reti, ndr), totalizzati nelle ultime 19 partite stagionali. Numeri che fanno di Skriniar, De Vrij e Miranda un reparto difensivo ad altezza Champions League. Va detto, però, che in Europa l’Inter non è ancora riuscita a chiudere la porta di Samir Handanovic, difetto che (per ora) è costato poco o nulla in termini di classifica. Stasera contro il Barça la difficoltà sarà non solo quella di non subire reti, ma anche di riuscire ad accorciare il campo lasciandosi molti metri alle spalle. Questi sono gli ordini di Spalletti per De Vrij e Skriniar, mentre Miranda pare destinato (almeno inizialmente) alla panchina.

INTER-BARÇA: LA SFIDA DI SKRINIAR– All’andata, Skriniar è stato il peggiore al Camp Nou,  deludente nelle letture di gioco, più che nei duelli. È obbligatorio il pensiero di dover fare meglio, contro una squadra, il Barcellona, che si era proposta con insistenza a lui, nello scorso calciomercato. Che nella testa di Skriniar e dell’agente il pensiero ci sia ancora, non ci sono dubbi. Sul rinnovo di contratto con la società nerazzurra, infatti c’è ancora molto da fare. Ma prima, testa al match di oggi. La difesa dell’Inter, con Skriniar, deve dimostrare di non temere il confronto con quella del Triplete di José Mourinho. Per anestetizzare l’attacco stellare del Barça.







ALTRE NOTIZIE