Spadafora: “Dialogo con Uefa per gli Europei. Lo sport sanguina”

Articolo di
12 Marzo 2020, 10:12
Vincenzo Spadafora Serie A
Condividi questo articolo

Seconda parte dell’intervista concessa dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, alla “Gazzetta dello Sport”. Qui si toccano i risvolti economici dell’emergenza coronavirus sul calcio. Focus anche sulle decisioni dell’Uefa in vista dei Campionati Europei e delle competizioni internazionali

MONEY, FIRST – Che fosse tutta una questione di soldi, forse, l’abbiamo pensato tutti. Almeno una volta. Il ministro della Sport, Vincenzo Spadafora l’ha confermato senza andare troppo per il sottile (QUI il suo attacco al mondo del calcio). Ma l’impatto economico dell’emergenza sanitaria in atto non può essere trascurato: “Questo è un problema che mi preoccupa e mi occupa tanto. La prima cosa che voglio dire è che ciò che sarà deciso per tutto il Paese avrà ovviamente i suoi risvolti sullo sport e sul calcio. A tutti i livelli. Stiamo scrivendo le norme che saranno approvate nel consiglio dei ministri di domani. Sospensione di ritenute, contributi fiscali, premi. Che naturalmente aiuteranno anche il mondo del calcio“.

POLVERIERA DECISIONALE – Il governo aveva lasciato una porta aperta, nel decreto di sabato scorso, per quanto riguarda gli eventi internazionali e i recuperi della ventiseiesima giornata di Serie A. Ma i fatti hanno ampiamente superato le circostanze e lo sport continua a sanguinare: “Però anche qui, proviamo a ragionare. Qual è la ratio di quel provvedimento? Provare a non danneggiare le squadre italiane in Europa in un momento in cui altri Paesi non avevano preso una decisione come la nostra. Mezz’ora fa ho scritto alla ministra croata dello sport, la Croazia ha la presidenza di turno dell’Ue, per chiedere un approccio europeo anche in tema di sport e di calendari sportivi rispetto all’emergenza coronavirus. Europei? Qualsiasi decisione si prenda, lo si deve fare tutti insieme, i Paesi e l’Uefa. L’Europa deve fare l’Europa anche nel calcio e nello sport».

INSIEME – Il dialogo, dunque, dev’essere la base per far ripartire lo sport. Sia in campo nazionale che europeo: “Sto scrivendo a Malagò e a Pancalli, presidenti di Coni e Cip. Vorrei chiedere loro di convocare una giunta straordinaria entro i prossimi giorni in modo che io possa ricevere un rapporto ufficiale sulle necessità più impellenti. Perché qui bisogna cominciare a programmare. Ho un dialogo anche con i miei omologhi europei per coordinarci“.

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Valerio Piccioni


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE