Sky, DAZN e Serie A, ecco tutte le questioni sui diritti tv – CdS

Articolo di
18 Aprile 2020, 10:48
sky
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” fa il punto della situazione tra i broadcaster, Sky e DAZN, e la Serie a per i diritti tv.

QUESTIONE DIRITTI – Quella di martedì prossimo sarà un’assemblea di Lega importante per i diritti tv. Sono il principale sostentamento della maggioranza delle società. Ed evidentemente se il rubinetto di Sky, DAZN e Img si interrompesse le difficoltà si moltiplicherebbero. Specie senza incassi da botteghino. La scadenza per l’ultima data del saldo dei diritti è prevista per maggio. Se non fosse saldata l’operatività dei club sarebbe messa in crisi. La richiesta dei broadcaster di mettere il stand-by il pagamento verrà esaminata con attenzione. Vero che i contratti sono blindati e la Serie A si sente garantita, ma andare al muro contro muro finirebbe per essere controproducente. Meglio trovare una soluzione condivisa. Che accontenti tutti o che scontenti il meno possibile. Sky, DAZN e Img hanno già corrisposto 5 delle 6 tranche di pagamento. Significa che hanno pagato l’83% della cifra. In cambio però di “quasi” 26 giornate, vale a dire il 68% delle partite. Insomma le argomentazioni alle televisioni non mancano.

RINVIO E SCONTO – In ballo però c’è anche la richiesta da parte delle tv di trattare per uno sconto. I club insomma potrebbero scegliere tra due scenari alternativi, sospensione del pagamento o appunto questo. Oppure cercare una sintesi. Il rinvio verrebbe concesso, ma comunque in tempi limitati in modo da lasciare alle società margine per rispettare le proprie scadenze. Ma verrebbe concesso anche lo sconto, da conteggiare però nella quota della prossima stagione. L’entità sarebbe da stabilire con tutta una serie di variabili. Ad esempio che con le partite forzatamente a porte chiuse si vedrebbero solo attraverso la tv.

DUE RICHIESTE – Anche la Serie A però è pronta a chiedere qualcosa in cambio. E anche in questo caso ci sono due strade. Una prevede in automatico il prolungamento di un anno dei contratti in scadenza nel 2021. In questo modo i club avrebbero più certezze per il futuro, rinviando la problematica del nuovo bando nel quale secondo molti ci sarebbe una contrazione dei prezzi. Altrimenti le televisioni che hanno beneficiato dello sconto si dovrebbero impegnare a sostenere la Serie A anche per il triennio 2021-2024, evitando offerte al ribasso, lavorando di comune accordo per sostenere il calcio italiano.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE