Sileri (vicemin. Salute): “Sport? Attuare misure rarefazione. Porte chiuse…”

Articolo di
3 Marzo 2020, 23:31
Pierpaolo Sileri
Condividi questo articolo

Sileri, viceministro per la Salute, ha parlato a Sportitalia della situazione legata allo sport che rischia di essere bloccato per trenta giorni (vedi articolo). L’opzione sembra prendere sempre più corpo: ecco la spiegazione legata alle possibili porte chiuse.

SPORT A PORTE CHIUSE – Il viceministro Pierpaolo Sileri chiarisce sull’emergenza Coronavirus: «Diciamo che i rischi già li conosciamo, vediamo quello che sta succedendo in Lombardia, il numero dei casi dimostra che l’aumento è costante, al di là di ieri. Credo che per avere un quadro bisognerà aspettare sette-dieci giorni, perché i due focolai soprattutto in Lombardia consentiranno di capire quanto le misure di contenzione hanno funzionato. Sulle manifestazioni sportive? Saranno attuate, con forza, quelle misure di rarefazione sociale, cioè cercare di evitare assembramenti di persone. Capite bene che le partite sono un rischio in questo momento, anche perché non puoi identificare un tifoso per area geografica. Non è sicuramente la soluzione migliore, si tratta di precauzioni che portano a una situazione migliore. Va contenuto il rischio. Blocco di tutte le partite? No, a porte chiuse. Io aspetterei domani, per natura non sono abituato a dare notizie in anticipo. Bisogna aspettare che esca. La rarefazione sociale è il modo migliore per contenere qualsiasi cosa».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE