Serie A storce il naso di fronte alle decisioni Uefa: i dubbi dei club – GdS

Articolo di
2 Aprile 2020, 10:13
Nike Merlin Hi-Vis pallone Serie A
Condividi questo articolo

La Uefa ha fissato la cornice in cui le competizioni (nazionali ed europee) dovranno riaprire e terminare (vedi articolo). Le 55 Federazioni e Leghe, chiamate a discuterne, si sono mostrate sostanzialmente d’accordo con Nyon. Ma la Serie A, e i suoi club, rimpolpano il fronte del ‘no’. Ecco tutti i dubbi delle squadre della penisola

FRONTE DEL NO – Alla luce dell’ultimo decreto governativo (QUI i dettagli) e delle linee guida Uefa ,sul proseguimento di campionati e coppe, si fa sempre più evidente l’intenzione di riprendere gli allenamenti ad aprile e la stagione a maggio. Nyon si fa forte della volontà comune di Eca e principali Federazioni e Leghe di terminare i campionati per ragioni economiche e di campo. Tutti d’accordo, tranne una: la nostra Lega di  Serie A, dove sono tanti i presidenti che ritengono la ripresa un errore. Al contrario di altri paesi come Spagna e Inghilterra disposti a giocare anche ad agosto, il limite considerato invalicabile da gran parte dei nostri club è il 30 giugno. Data che accorcerebbe i tempi costringendo le squadre a un tour de force di prestazioni ogni tre giorni a cui non sono pronte per rosa ristretta ed abitudine.

INCERTEZZA – Ora, che tanti presidenti abbiano interessi anche personali e di classifica che li spingono a chiedere la ripresa o la conclusione anticipata della stagione è il segreto di pulcinella. Ma una cosa è certa: il calendario, se si riprenderà a giocare, diventerà un tetris. La data della fine della stagione incerta; sarebbero molte le norme da cambiare da parte di Fifa e Uefa. E in generale c’è la sensazione di un grande caos che si andrebbe a ripercuotere sull’anno prossimo. Ecco tutti i dubbi del ‘fronte del no’: per chiudere entro il 30 giugno ci si dovrebbe allenare dopo metà aprile (molti giocatori sono andati via…) e riprendere a giocare il 7 o 16 maggio, costringendo i club a una gara ogni tre giorni. Con il rischio di infortuni per giocatori sotto stress agonistico.

CONTI – Se la data di chiusura della A dovesse slittare a luglio servirà un permesso della Fifa per prolungare i contratti dei giocatori in scadenza al 30 giugno. Sempre in caso di prolungamento della stagione, una proroga si renderebbe necessaria anche per la presentazione dei bilanci dei club e  delle licenze per l’iscrizione alla stagione seguente. Senza contare le scadenze bancarie. Necessario, vista l’impossibilità di fare mercato e aggiustare i bilanci, anche modificare le licenze Uefa e gli attuali parametri del FFP.

MERCATO – Capitolo calciomercato: bisognerebbe rivedere tutte le date. Non solo quelle di partenza (alcuni campionati finirebbero prima e altri dopo) ma anche della fine. La Fifa propone un’unica finestra dall’estate a gennaio che a molti non convince. Finita la stagione con l’assegnazione delle coppe (si parla di finali a luglio o agosto), dopo poche settimane partirebbe la nuova stagione. In pratica: una breve pausa e si tornerebbe in campo (a porte chiuse) di fatto eliminando la preparazione fisica dei giocatori in una stagione che sarà ricca di eventi, compreso l’Europeo, e dunque faticosa.

CONFUSIONE – Per concludere, i nuovi acquisti sarebbero direttamente catapultati in campo senza avere il tempo nè di ambientarsi nè di giocare amichevoli con i nuovi compagni. Tornando a giocare, anche le rinunce delle mensilità di stipendio da parte dei calciatori potrebbero saltare. Tanti i nodi da sciogliere, ma può l’Italia decidere in antitesi rispetto agli altri maggiori campionati e chiudere la sua stagione mentre gli altri giocano? Di certo i nostri club impegnati nelle Coppe europee dovranno scendere in campo se nonvorranno essere esclusi dalle prossime competizioni. Un bel caos.

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Andrea Di Caro


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE