Serie A, arriva la proroga per gli stipendi! Gravina: «Scadenza 31 maggio»

Articolo di
29 Gennaio 2021, 16:14
Gabriele Gravina Gabriele Gravina
Condividi questo articolo

La Serie A riceve un altro assist per risolvere al meglio il problema stipendi causato dalla crisi economica dovuta al Coronavirus . Gravina – Presidente della FIGC – ufficializza la decisione presa in data odierna. Di seguito un estratto dal comunicato di oggi

PAGAMENTO EMOLUMENTI – “Tenuto conto del protrarsi della grave crisi economica dovuta alla diffusione del Covid-19, il Consiglio Federale ha approvato, come già fatto in passato, la post-posizione del termine ultimo per i controlli sul pagamento degli emolumenti: dal 16 febbraio al 31 maggio per le società di Serie A in presenza di accordi con i tesserati da sottoscrivere in sede protetta entro il 16 febbraio 2021 (per le mensilità di ottobre, novembre e dicembre 2020)”.

ACCORDO TRA LE PARTI – A confermarlo è il Presidente Gabriele Gravina: «Il mondo del calcio ha dimostrato ancora una volta grande senso di responsabilità. L’80% delle società di Serie A e una buona percentuale di club di Serie B e C hanno provveduto al pagamento degli emolumenti. Alcune società hanno già pagato anche gli stipendi di gennaio. Oggi abbiamo solo preso atto della possibilità di prorogare, in presenza di un accordo tra club e tesserati, i pagamenti che comunque dovranno essere regolarizzati entro il 31 maggio». La proroga, ovviamente, interessa molto anche all’Inter, già attivatasi per trovare l’accordo con in singoli dipendenti.

Fonte: Sito FIGC [FIGC.it]



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.