Serafini: “Inter così non va in Champions, Spalletti lo sa. Zhang…”

Articolo di
1 febbraio 2018, 00:28
Luca Serafini

Luca Serafini – giornalista e tifoso milanista -, ospite negli studi di “Sportitalia Mercato” su Sportitalia, critica l’Inter per le parole di Ausilio a fine mercato e soprattutto per la pessima gestione di Suning, che sembra voler “boicottare” i piani Champions di Spalletti per non rischiare di indebolire il Jiangsu

INTER, NIENTE CHAMPIONS – A mercato finito, Luca Serafini si scatena: «Ho trovato le dichiarazioni di Piero Ausilio come quelle di un allenatore dopo una partita finita 0-0: piene di banalità e bugie, la più grande è quella che se il campionato finisse oggi l’Inter sarebbe in Champions League… Tutti sanno che l’Inter aveva bisogno di qualcosa: a gennaio non si migliorano le squadre, si migliorano le rose e si arricchiscono numericamente. L’Inter aveva questi problemi ad agosto, li sapevano e dovevano dare fiato ai tre attaccanti. E poi l’Inter finisce lì, in attacco, con Milan Skriniar e Samir Handanovic, non ha altri giocatori di livello… Quello di Luciano Spalletti è un miracolo irripetibile, ma l’Inter a maggio non sara in Champions, se la Roma non glielo consente: di questo se n’è accorto solo Spalletti…».

SUNING “TIFA” JIANGSU – «Più che di Javier Pastore e Andrea Pinamonti, dovremmo parlare di Ramires: ha l’identikit che serviva a Spalletti e Jindong Zhang lo ha in Cina nel Jiangsu, ma Zhang preferisce il suo club cinese all’Inter… Questa è la cosa da spiegare, da chiedere a Walter Sabatini che lavora con loro, da chiedere ad Ausilio e a Suning direttamente! Ramires era perfetto per l’Inter! Se l’Inter e Suning sono in questa situazione la colpa è di Massimo Moratti, che ora può dire quello che vuole, ma è colpa sua… Lo sanno tutti che a gennaio non prendi Andres Iniesta e Ramires era un’occasione da preparare nei mesi prima per averlo a gennaio. L’Inter a gennaio aveva l’occasione della vita di ritornare in Champions dopo sette anni, non può arrivarci così…».







ALTRE NOTIZIE