Se la Serie A non riprende c’è l’incubo fallimento per i club – CdS

Articolo di
26 Aprile 2020, 10:09
Gravina
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” sottolinea che le società di Serie A spingono per chiudere la stagione perché temono i fallimenti.

INCUBO FALLIMENTO – Riaprire per non sparire. La Serie A non ha dubbi: accettare di non concludere questo campionato porterebbe a sparire alcune delle società. A confermarlo non soltanto alcuni presidenti, ma anche indagini economiche approfondite sull’impatto devastante sui bilanci (da chiudere il 30 giugno). Tutte le squadre di A hanno votato per la ripresa del torneo e si sono presentate con questa linea compatta.

PROBLEMI DA RISOLVERE – Ci sono diverse società che gradirebbero (eufemismo) avere certezze su alcuni punti: 1) date e luoghi in cui verranno disputate le partite, 2) come comportarsi in caso di nuovi contagi o peggio di un nuovo stop al campionato, 3) prolungamento dei contrartti in scadenza il 30 giugno, tra prestiti e giocatori a parametro zero, 4) tagli agli stipendi dei calciatori che per 2 mesi non hanno lavorato.

IPOTESI DI RIPRESA – Di sicuro per la ripresa Gravina ha detto no all’ipotesi di una Serie A a 22 squadre, frutto di 2 promozioni dalla B senza alcuna retrocessione. Troppo complicato gestire 4 giornate in più nella stagione 2020-2021, con gli Europei a giugno. Il presidente della Figc non ha invece escluso l’ipotesi playoff, utile per ridurre il format del campionato. Molti club però non sono d’accordo.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE