Mondo Inter

Sconcerti: «Inter ipotecata! Ecco perché niente stipendi al ribasso. I debiti…»

Sconcerti ci va giù pesante sulla situazione dell’Inter, sfruttando l’assist delle recenti parole di Marotta. Il noto giornalista sportivo, nel consueto appuntamento con la rubrica “Un cappuccino con Sconcerti” sul portale CalcioMercato.com, spiega perché è arrivato il momento di sganciarsi dalla proprietà Suning

IPOTECA SOCIETARIA – Il pensiero di Mario Sconcerti sulla proprietà nerazzurra non è certo dei più positivi: “Leggo su CalcioMercato che l’Inter è una delle poche a non aver pagato al ribasso gli stipendi e ci si chiede perché questo non sia stato scritto con evidenza. Semplice: l’Inter lo ha chiesto, ma i giocatori non hanno accettato. Era argomento che conveniva pubblicizzare? Altra cosa: ha ragione Beppe Marotta, l’Inter c’è e resterà sempre, non è questo il problema. Il punto è che l’Inter è una società ipotecata a garanzia di un prestito. Non c’entrano né Marotta né il mercato. C’entra Suning. Non è l’esistenza dell’Inter il problema, semmai la domanda è se sia conveniente appartenere agli Zhang o sarebbe meglio sganciarsi dalle loro parabole economiche”.

MARE DI DEBITI – Sconcerti continua mettendo in risalto quello che potrebbe essere lo scenario peggiore: “L’Inter non sembra poter contare su immissioni di denaro dei suoi proprietari, deve vivere con il dare e l’avere interno alla società. Ma ha un bilancio costantemente in deficit, quest’anno di 245 milioni di euro. Questo significa che le cessioni di Romelu Lukaku e Achraf Hakimi hanno coperto appena i due terzi delle perdite di una stagione e che il mare di debiti resta intatto. Si può andare avanti alla grande in queste condizioni? L’Inter ha l’attenzione di molti non perché gli altri siano tutti juventini, ma perché la sua situazione è profondamente oggetto di studio”.

Fonte: CalcioMercato.com – Mario Sconcerti

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button