Sconcerti: “Guai a dire rilancio Spalletti e Inter. Col Napoli fatto ridicolo”

Articolo di
28 dicembre 2018, 08:38
Mario Sconcerti

Il giornalista Mario Sconcerti è intervenuto nella rubrica “100° minuto” del sito “Calciomercato.com”. In relazione a Inter-Napoli di mercoledì sera ha prima esaminato la questione relativa ai cori verso Kalidou Koulibaly, poi si è spostato in campo e non ha avuto parole lusinghiere verso la squadra di Luciano Spalletti.

SITUAZIONE INCRESCIOSA«Ci costringiamo a rimetterci sempre in mano ai giudici: non giudichiamo la realtà ma l’operato dei giudici. Qui in realtà il problema è di civiltà dello stadio: il giudice può fare il suo, ma chi è incivile lo resterà sempre. È successo un fatto quasi ridicolo: una parte dello stadio dava del nero a un giocatore del Napoli, pur avendone tre in campo nella propria squadra. È un problema che devono risolvere i giocatori, bianchi e neri, sono loro che devono dire basta! I giudici non fanno le leggi, le fanno applicare. Noi del calcio, che siamo grandi fasulli, preferiamo sempre dare la colpa alla legge, mai alle società: che anche in questo caso rispondono con ventiquattro ore di ritardo e dopo la chiusura della curva… Se sono i giocatori a dire “Basta, smettiamo”, a prendere l’iniziativa, la gente lo accetterà. Quello che non accetta è la decisione del giudice sportivo che è lontano, è un estraneo, che deve prendere provvedimenti sbagliando sempre: perché per punire qualcuno punisce tutti, perché insegna come far finire 3-0 una partita a tavolino. Devono essere gli offesi, dove tutti noi siamo civili offesi, a dire basta: se i giocatori avessero detto basta, la gente avrebbe accettato. In piccola parte siamo tutti responsabili, perché abbiamo accettato di sentire cose di cui non si può più sentire. Non c’entra nulla col pallone, se una partita porta alla morte vuol dire che abbiamo sbagliato noi, giocatori e gente in tribuna. Questa è una cosa che riporta a quarant’anni fa, a Palermo… La proposta di Matteo Salvini di parlare con i responsabili del tifo delle società di Serie A e Serie B? Doverosa, ma ci vuole una riflessione e grande umiltà: non sono cose risolvibili in cinque o dieci minuti purtroppo».

COSA SI È VISTO«Ho visto un match, primo tempo migliore dell’Inter e nella ripresa meglio il Napoli. L’episodio decisivo è stato chiaramente l’espulsione di Kalidou Koulibaly: ha commesso un errore, perché l’ammonizione ci stava e applaudire l’arbitro assolutamente no. È stato il momento in cui si è decisa la partita, Luciano Spalletti poi è stato bravo a mettere subito Lautaro Martinez che ha segnato esattamente dal punto in cui è mancato Koulibaly. Ma guai a parlare di rilancio di Spalletti e dell’Inter: è comunque a -5, non ho mai visto un campionato più segnato di questo. Non è una vittoria che cambia i valori, ma è importante per l’Inter perché si rilancia dopo un momento complicato».

Fonte: Calciomercato.com – Furio Zara

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE