Mondo Inter

Sconcerti: «Eriksen non sa giocare meglio di così! Juventus-Inter finta»

Sconcerti è piuttosto duro nell’analisi di Juventus-Inter di ieri. Il giornalista, intervenuto a “TMW Radio”, commenta in maniera molto negativa lo 0-0 di ieri e la prestazione di diversi giocatori nerazzurri, fra cui Eriksen.

POCO E NIENTEMario Sconcerti è insoddisfatto per quanto visto in Juventus-Inter: «Partita finta? Sì, perché non hanno cercato di battersi. L’Inter non ha tirato in porta e la Juventus ha fatto due azioni con Cristiano Ronaldo. Ma non ho visto la ricerca sincera della vittoria. L’Inter mi è sembrato volesse uscire bene, la Juventus gliel’ha permesso. Tutto qui. Ma conosco l’Inter, soprattutto: è una squadra che tira dieci volte in porta a partita, ieri non ha tirato mai. Mai! Erano due squadre che forse avevano molta più voglia sugli spalti (si riferisce alle liti fra panchine e tribuna, ndr), ma in campo no. Romelu Lukaku è un giocatore che si auto-chiude, si auto-occulta, anche perché ha avuto pochi palloni. Quando una partita del genere finisce 0-0 c’è qualcosa che non funziona».

ZERO PERICOLI – Sconcerti ribadisce: «A me ha dato proprio l’impressione di partita finta, di due squadre che partivano da una base e non hanno cercato di cambiarla. È stata una partita inespressa, in cui c’è stato un giocatore che non aveva capito l’andamento: Cristiano Ronaldo, che infatti è stato secondo me il migliore. È stato l’unico pericoloso. Per esempio: è stato messo Christian Eriksen, che non sa giocare meglio di così. Infatti l’hanno messo in campo per battere le punizioni: forse l’ha fatto (Antonio Conte, ndr) perché altrimenti gli avrebbero chiesto perché non l’ha fatto giocare».

ATTACCO SPUNTATO – Sconcerti si sofferma sulla prestazione delle punte dell’Inter: «Lautaro Martinez è un grande giocatore, però deve imparare a distribuire i gol. In dodici partite di campionato ha segnato in tre: è questo che gli manca. Dev’esserci un gioco che permette a Lukaku di sbagliare una partita. Se lui si ferma Lautaro Martinez deve essere pericoloso: fra un anno o due segnerà venticinque o trenta gol, ma deve imparare già da adesso a distribuire bene i gol. Anche perché l’Inter non ha centrocampisti che segnano o che si inseriscono: ha solo Nicolò Barella, che ha fatto tre gol, ma gli altri non segnano. Non ti puoi basare soltanto su un grande centravanti».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh