Scarpini: “Inter può fare rotazioni, no rischi: Spalletti lo sa! Joao Mario…”

Articolo di
14 settembre 2018, 23:59
Roberto Scarpini

Roberto Scarpini – Direttore di “Inter TV” -, ospite negli studi di “Aspettando il Weekend” su Sportitalia, parla delle principali tematiche di casa Inter a poche ore dalla sfida contro il Parma, che anticipa il debutto in Champions contro il Tottenham

INTER ANTI-JUVENT… INI! – Non fa mancare la solita ironia Roberto Scarpini, che non cade nelle provocazioni sul presunto ruolo dell’Inter come antagonista della Juventus nella lotta scudetto: «L’Inter è l’anti-Juventus? Tutti gli interisti sono anti-juventini, ma anche anti-milanisti… C’è questa situazione tra i tifosi dell’Inter: quelli milanesi sono principalmente anti-Milan, tutti gli altri perlopiù anti-Juventus, invece i milanisti sono molto legati ai juventini, per questo non sono loro l’anti-Juventus (sorride, ndr)».

LAUTARO MARTINEZ E ICARDI – «Nelle prime partite stagionali non vai a rischiare Lautaro Martinez, che non sta bene, anche perché l’organico è tale da giustificare le rotazioni. Non è solo la doppia sfida contro Parma e Tottenham, ma una serie di partite ogni tre giorni: un allenatore cerca di pescare al meglio nel proprio organico, Luciano Spalletti ha una grande esperienza in Champions League e saprà bene come gestire le risorse, anche per l’utilizzo di Mauro Icardi. Questo lo porterà a prendere le scelte migliori contro il Parma, di cui Spalletti ha grande rispetto».

GAGLIARDINI E JOAO MARIO – «Una certezza c’è, Spalletti l’ha data: Roberto Gagliardini giocherà dal primo minuto contro il Parma. Gagliardini è fuori dalla Lista UEFA perché Spalletti doveva scegliere chi lasciare fuori dal gruppo ristretto dei giocatori arrivati negli ultimi anni e alla fine è uscito lui, ma perché c’è il limite della UEFA per le sensazioni del Fair Play Finanziario. Spalletti ha parlato anche di Joao Mario, che potrebbe essere utilizzato anche dal primo minuto nel corso della stagione: è rimasto e si sta allenando bene, inoltre è un reduce del Mondiale, quindi ha iniziato la preparazione dopo, ma Spalletti può farci affidamento. Spalletti quest’anno ha una rosa per fare valutazioni pensando alla gara di domani, ma strizzando un po’ l’occhio ai prossimi impegni».







ALTRE NOTIZIE