Mondo Inter

Sabatini: «Inter fondata sul lancio lungo per Lukaku, scudetto non inatteso»

Sabatini – giornalista di ‘Sport Mediaset’ -, ospite negli studi di “Pressing Serie A” su Italia 1, commenta la vittoria dello scudetto da parte dell’Inter di Conte (e Lukaku), riconoscendo i meriti del tecnico, eccezion fatta per la gestione di Eriksen. E dà una versione opposta a quella di Marotta

SCUDETTO ATTESO – Sebbene Beppe Marotta (vedi dichiarazioni) definisca “insperato” lo scudetto nerazzurro, Sandro Sabatini la vede diversamente: «Stagione assolutamente trionfale se riesci a vincere con quattro giornate di anticipo, senza alcun problema. Il titolo? Si può fare sul gruppo vincente, non lo so. La festa negli spogliatoi e sul pullman, vedere tutti quegli abbracci significa che Antonio Conte ha compiuto la sua missione. Una di quelle missioni da Conte: il gruppo credeva alla vittoria! Ed è una bella soddisfazione, ma non credo inattesa né per Conte né per l’Inter, che pianificava la vittoria a tempo. Conte, degli allenatori scesi in campo in questa stagione, era nettamente il più grande. Giusto celebrare Conte e Marotta, ma non dimentichiamo tre personaggi che in certo modo rappresentano la storia dell’Inter. Javier Zanetti, anche se ha un ruolo marginale. Lele Oriali, che è il collante tra dirigenza e squadra, e quando c’è un allenatore vincente lui c’è sempre. E non dimentichiamo Piero Ausilio, che ha confezionato l’acquisto di Achraf Hakimi in prima persona».

INTER POST-ERIKSEN – Sabatini si scontra dialetticamente anche con l’ex difensore interista Fabio Galante (vedi dichiarazioni): «Questa è una ricostruzione abbastanza edulcorata. Per me l’Inter ha perso Christian Eriksen per un anno. Poi è entrato e l’ha cambiata. L’Inter è una squadra Lukaku-centrica, fondata sul lancio lungo per Romelu Lukaku, che è fondamentale per questa Inter. Ma quando gioca Eriksen, l’Inter gioca diversamente a pallone. Si vede dal tocco che ha il centrocampista danese. Sicuramente Conte se n’è accorto tardi ma resta il fatto che, quando è entrato Eriksen al posto di Arturo Vidal, questa squadra è cambiata. La protesta dei tifosi del Milan nei confronti di Gianluigi Donnarumma? Se ci fossero stati i tifosi allo stadio, anche l’Inter di Conte sarebbe stata contestata (si riferisce all’uscita dalla Champions League, ndr)».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh