Sabatini: “Addio Inter, Icardi come Vieri! OK la reazione, ma poi la domanda…”

Articolo di
26 Agosto 2019, 08:52
Sandro Sabatini
Condividi questo articolo

Sandro Sabatini – giornalista di “Sport Mediaset” -, ospite negli studi di “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” su Italia 1, dice la sua sulla situazione Icardi, a cui consiglia di lasciare l’Inter per rilanciarsi nella piazza di Napoli, pur prendendone le difese nel momento in cui decide di far valere il proprio contratto, e fa un paragone con Vieri

ICARDI “CACCIATO” COME VIERI – Per Sandro Sabatini l’avventura nerazzurra dell’attaccante argentino è agli sgoccioli dopo una rottura totale con l’ambiente come già avvenuto in passato a un suo illustre predecessore: «Mauro Icardi sarebbe il centravanti giusto per il Napoli, ma non dobbiamo dirlo noi: l’ha detto il Napoli stesso e Aurelio De Laurentiis interessandosi a lui. In Icardi ora, per comportarsi in questo modo e non voler andare via dall’Inter, è subentrato un qualcosa a livello di orgoglio. Anche Christian Vieri (presente in studio, ndr – vedi articolo) ha avuto una situazione spiacevole all’Inter, è stato contestato dalla Curva Nord e la società ha deciso di liberarsene, così Vieri ha preso atto della cosa e che ha fatto? Vieri è sempre stato un leader nello spogliatoio, il capitano vero dell’Inter, ha saputo dopo quello che gli stavano facendo, ovvero che lo controllavano… Icardi si fa sicuramente un autogol volendo restare all’Inter in queste condizioni, anche perché poi arriverà anche il giorno in cui il campionato dirà: ma tra Romelu Lukaku e Icardi chi era meglio alla fine? Tra Stefano Sensi e Radja Nainggolan? Tra Cristiano Biraghi e Ivan Perisic? Perché io ci metto dentro anche Nainggolan e Perisic, non solo Icardi! Il contratto è un diritto, se mi vogliono mandare via con un calcio in culo può darsi che io reagisca rispettandolo e stando a casa: è un diritto di Icardi scegliere cosa fare! Giudichiamo il giocatore Icardi, i suoi gol e il fatto che non tornava in difesa ad aiutare la squadra, non giudichiamo la moglie-agente Wanda Nara (presente in studio, ndr – vedi articoli n.1 e n.2). Io ho consigliato a Wanda di portarlo al Napoli, poi saranno problemi suoi se vuole restare, ma senza dire che sta facendo un autogol per la sua carriera. Per un manager Icardi è un capitale che stanno buttando via, tenerlo lontano dal campo di gioco non è l’ideale per una qualsiasi azienda, poi all’Inter possono fare ciò che vogliono…».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE