Rummenigge: “Inter, che ricordi! Coronavirus? In Bundesliga club uniti”

Articolo di
16 Aprile 2020, 12:12
Rummenigge
Condividi questo articolo

Karl Heinz Rummenigge, ex giocatore dell’Inter oggi dirigente del Bayern Monaco, nel corso di una lunga intervista concessa al “Corriere della Sera” ha parlato del suo passato all’Inter prima di concentrarsi sull’emergenza Coronavirus e Bundesliga.

ALL’INTERKarl Heinz Rummenigge torna a parlare del suo approdo all’Inter, in particolare il suo primo giorno a Milano: «Era una giornata un po’ piovosa. Oltre all’accoglienza speciale dei tifosi, la grande sorpresa è nata dai giornalisti che mi hanno applaudito al mio ingresso al ristorante con il presidente Pellegrini. È stata una decisione presa col cervello, avevo altre offerte da Italia e Spagna, ma ho scelto Milano soprattutto per il presidente dell’Inter: ne è nata un’amicizia molto profonda. Ho vissuto a Blevio, un piccolo paese sul Lago di Como: mia moglie si è innamorata di una bellissima casa. Ma a Milano venivo tutte le settimane, camminavo molto, facevo shopping: non era bella come adesso, ma era molto interessante grazie alle persone che ci vivevano».

SU ATALANTA-VALENCIA – Rummenigge dice la sua riguardo il match di UEFA Champions League giocato a San Siro: «Atalanta-Valencia a San Siro possibile “bomba” per il Coronavirus? Non ci sono delle prove, ci sono delle voci, ma le voci ogni tanto non sono vere».

IN GERMANIA – Rummenigge parla dell’emergenza Coronavirus in Germania: «Il calcio tedesco soffre e aspetta. come tutto il mondo calcistico. Da una settimana abbiamo almeno il permesso di fare allenamento in piccoli gruppi di 4-5 giocatori, dopo le sessioni in teleconferenza che sono state utili per rimettere in forma i ragazzi: quando sono arrivati al centro sportivo e hanno interagito di persona, il loro umore è migliorato molto».

ALLENAMENTI E MINI GRUPPI – Rummenigge continua parlando degli allenamenti e in particolare della solidarietà tra i club di Bundesliga e non solo in merito all’emergenza Coronavirus (Covid-19) e come ripartire: «Gli allenamenti con i mini-gruppi funzionano molto bene, perché come Lega abbiamo istituto una task force medica, che è in contatto quotidiano con la politica e controlla che tutto si svolga in modo regolare. Due volte a settimana vengono a fare il tampone ai calciatori. C’è molta unità tra i club in Bundesliga, La Lega comprende anche la serie B e c’è grande solidarietà: credo che siamo un esempio per la politica e per il popolo tedesco. I giocatori? A nessuno piace perdere una parte del proprio stipendio, ma l’importante è capire che una situazione così, nel mondo, non è stata mai vissuta. La solidarietà in questo momento è la cosa più importante, a tutti i livelli: tra i Paesi e tra le persone».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE